|

Tu per 900 euro qui ci vivresti? – Morosità incolpevole

Morosità incolpevole:

in base al decreto 102 del luglio 2014 per morosità incolpevole si intende quella «situazione di sopravvenuta impossibilità a provvedere al pagamento del canone locativo in ragione della perdita o consistente riduzione della capacità reddituale del nucleo familiare». Chi ne può usufruire? Chi ha subito un licenziamento, chi è in cassa integrazione, chi ha ricevuto una riduzione dell’orario di lavoro, una malattia grave o un infortunio, chi ha subito la perdita di un familiare. Eppure, nel quartiere Pigneto a Roma, si presentano domande di sfratto a famiglie che rientrano nella categoria di morosità incolpevole ma che subiscono un affitto di 900 euro per monolocali senza riscaldamento, impianto a gas e con bagno esterno. Il decreto Lupi ha stanziato dei fondi che però coprono le necessità per non più di 200 famiglie a Roma dove però incombono più di 6mila sfratti per morosità incolpevole. Le case che abbiamo visitato al Pigneto non sono dotate nemmeno degli standard minimi. Il bagno (o meglio il wc) è situato all’esterno. L’impianto di riscaldamento è assente. Prezzo? 900 euro, che ora, una famiglia (con la perdita di un familiare alle spalle) non riesce più a sostenere.

guarda il reportage:

(credits video G.R./alaNEWS)

LEGGI ANCHE: Roma cerca casa, e se non la trova occupa

L'interno di uno dei "bagni" nelle "case" del Pigneto
L’interno di uno dei “bagni” nelle “case” del Pigneto

MOROSITÀ INCOLPEVOLE: COME FUNZIONA

– Il decreto 102 stabilisce le modalità e i limiti di accesso al Fondo apposito messo a disposizione dallo Stato, con un tetto a 8mila euro. Il riconoscimento dei contributi viene rilasciato ai quei residenti in arretrato con il pagamento del canone e che hanno già ricevuto il provvedimento di rilascio esecutivo. Per loro c’è la possibilità di un nuovo accordo con il proprietario a canone concordato e cedolare secca del 10%. Se non ci sono i presupposti per il deposito cauzionale sarà il Comune a intervenire, facendosi garante al fine di far cessare lo stato di morosità dell’inquilino.