Il Giornale e Libero si buttano a pesce sulle “zingare choc che rubano mille euro al giorno”

di Redazione | 09/04/2015

Non deve essere parso vero, ieri, ai direttori di Libero e Giornale udire la surreale intervista a due ragazzine di Mattino 5, intervista in cui le due ammettevano candidamente di “rubare anche 1000 euro al giorno”, e di non curarsi se “le vecchiette muoiono”, tanto “è la vita”.

Per carità, ognuno è libero di credere a quello che gli pare, anche a due ragazzine spaccone “prese a caso fuori dalla metropolitana” (chissà con quale criterio sono state scelte: a caso fra le ragazzine che sembravano “zingare”? Che fortuna ha avuto, l’inviata di Mattino 5!), però val la pena di fare qualche considerazione non tanto sui campi rom “da radere al suolo” secondo un tanto esterrefatto quanto fortunatissimo Salvini, che dopo questa intervista, ospite in studio, ha l’occasione di fare un pallonetto a porta vuota, quanto più per come la notizia è riportata e contornata.

Secondo Libero, che la butta semplicemente sulla questione dei campi rom, è ovviamente una “vergogna” che queste due possano rubare tanto, e che ci sia stata tale polemica sulle parole di Salvini quando anche l’Europa ci dice che i campi-ghetto non vanno bene. Chissà se Libero ha fatto lo stesso titolo per le varie proposte di legge delle varie destre italiane in cui aree di “transito” e “sosta” venivano potenziate e non invece superate a favore di una soluzione abitativa di tipo definitivo. Chissà se Libero ha chiesto con forza di liberare le mani a poliziotti e magistrati anche per quegli altri ladri che rubavano ai poveri cittadini ben più di mille euro al giorno, solo che essendo politici e non zingari, non potevano contare sulle luci della ribalta in prima pagina (anzi).

Ma a vincere la gara è oggi il Giornale,che riesce a collegare le “zingarelle ladre” a
– una fantomatica corsa “a legare le mani dei poliziotti”(è un’idea: magari “torturano” meno, no?). La corsa a legare le mani dei poliziotti sarebbero da un lato la penalizzazione dei reati leggeri, dall’altro probabilmente le accuse di tortura che ci ha mosso la corte di Strasburgo, visto che subito dopo troviamo scritto

finmeccanica

Quindi secondo Il Giornale il fatto che la corte dei diritti umani ci abbia accusato di aver torturato delle persone ha come sua più grave conseguenza il fatto che il Pd abbia attaccato De Gennaro, all’epoca capo della polizia poi promosso – promosso – in Finmeccanica. Cosa dovevano fare il Pd come tutti gli altri? Non chiedere conto a chi di dovere per una vergogna ormai certificata a ogni livello?

Ora: mi rendo conto che probabilmente ciò che ci sarà nei commenti qui sotto come altrove sarà il solito pullulare di “sì ma gli zingari rubano”, “sì ma loro dicono che non vogliono lavorare perché è la loro cultura”, etc. Il problema vero però è che questi temi, questo populismo (voglio dire, ma voi avete parlato con tutti i rom sulla faccia della terra per generalizzare così, o vi limitate a prendere per buoni gli status di Salvini? Fate capire) vengono utilizzati, come dimostra soprattutto il Giornale, come “zuccherino” a cui accostare altre amarissime medicine, di cui il caso De Gennaro è solo l’ennesimo triste esempio. Più in generale, come sempre, questi temi vengono usati per evitare di parlare di altri, o per poterne parlare come più si preferisce. Un viziaccio, che per carità non è solo di Libero e del Giornale, che avremmo dovuto perdere quando abbiamo capito quanto ci sia costato in questi lunghi anni. E che invece abbiamo permesso peggiorasse fino a raggiungere le grandi vette di oggi, in attesa di un domani che sappia stupirci, in peggio, sempre più. E dire che bastava accostare le due ragazzine ladre a quanti evadono milioni ogni giorno. Ah, forse no.