|

Schwazer: «Carolina? Mi spiace. Se ci sarà da parlare al Tas andrò»

Ecco uno stralcio della conferenza stampa fiume con cui Alex Schwazer ha comunicato oggi il progetto per il ritorno alle gare dopo la fine della sua squalifica: «Voglio guardare avanti. Mi dispiace per Carolina, se verrò chiamato a Losanna per testimoniare io ci andrò. Ma cosa devo fare? Spero che la situazione si sistema. Ho fatto un percorso molto importante con un primario di psichiatria di Bressanone, grazie al quale ho capito che il mio problema è nato molto prima di quanto pensassi. Fino al 2012 non ho mai pensato di pagare per problemi depressivi. Ho fatto una terapia con psicofarmaci e mi sento di nuovo me stesso. Anche questo mi ha fatto pensare di tornare alle gare. Credo di potermi allenare in maniera seria, nel 2012 e nel 2011 non lo ero più»

LEGGISchwazer: «La mia storia riparte: torno a correre»

A margine della conferenza stampa Schwazer poi ha aggiunto: «Quanto penso a Rio? Dico 3. Non è 0, ma sono realista: faccio uno sport di fatica e il percorso è molto lungo. Voglio sistemare la cosa con la mia squalifica, per andare all’Acqua Acetosa e per i controlli che ora sono a spese mie. Questo progetto è bello, innovativo e interessante, lo portiamo avanti comunque, poi se c’è uno sponsor è meglio… Donati? L’ho convinto con la mia disposizione totale di fare questa cosa per bene. E’ nato tutto pian piano»