|

Il deposito nucleare chiuso a causa della lettiera dei gatti

 Un contenitore bucato, una perdita di radioattività e il Waste Isolation Pilot Plant (o WIPP) in New Mexico  ha dovuto chiudere.

Un'immagine dei contenitori poi risultati danneggiati (Photo by Jeff T. Green/Getty Images)
Un’immagine dei contenitori poi risultati danneggiati (Photo by Jeff T. Green/Getty Images)

I DEPOSITI DEFINITIVI CHE NON SONO TALI – Il deposito nucleare sorge nei pressi di Carlsbad, nello stato del New Mexico ed è l’unico insieme a due depositi tedeschi con la licenza per contenere i rifiuti nucleari a bassa radioattività per un periodo di stoccaggio previsto di 10.000 anni. Licenza concessa forse troppo ottimisticamente, visto che il deposito è stato chiuso come uno dei due tedeschi e anche il terzo è a rischio chiusura.

LEGGI ANCHE: Ucraina, incidente nucleare nel sud-est del Paese

IL PROBLEMA CON LA LETTIERA – A determinarne la chiusura l’anno scorso è stata una perdita di radioattività che ha contaminato una ventina di lavoratori del sito, originata da una breccia in uno dei contenitori. Ora le analisi del Department of Energy hanno determinato che il danno è stato provocata dalla lettiera per gatti usata insieme ad altre sostanze per ridurre l’umidità all’interno delle cisterne che contengono i rifiuti.  Il calore sviluppato dai rifiuti ha infatti riscaldato il mix portano alla corrosione e dilatazione del contenitore. Ora che hanno scoperto l’origine del danno, i tecnici hanno fatto i conti e dicono che serviranno anni e un mezzo miliardo di dollari per rimediare, il costo del deposito era stimato in precedenza in 20 miliardi di dollari.

LA PAROLA PASSA ALLA POLITICA – Per ora quel che si può fare è lavorare per mitigare il rischio che ai contenitori ancora integri succeda lo stesso, ma serve una decisione politica per decidere sul futuro del deposito e per disporre gli stanziamenti necessari. L’impianto è destinato a rimanere a lungo in stand-by e per ora non si può dire che sia la soluzione per lo smaltimento dei rifiuti a bassa radioattività, una soluzione che non è ancora stata trovata da nessuno nel mondo e che è ancora più distante per le scorie più radioattive