Il video dell’Isis con il bambino che spara a due prigionieri

di Tommaso Caldarelli | 13/01/2015

L’Isis raggiunge un nuovo livello di brutalità diffondendo tramite Al-Hayat, il mediacenter ufficiale del Califfato Islamico della Siria e dell’Iraq del Levante, un video in cui un bambino di soli dieci anni viene utilizzato per giustiziare due prigionieri, presentati come due spie russe. La notizia del video è arrivata dall’autorevole media Site, il sito che tiene sotto controllo l’integralismo islamico in tutto il mondo.

ISIS, L’ESECUZIONE DEI SOLDATI – La notizia è stata aggregata sui social network da Rita Katz, direttrice di Site.

Nel video si mostra l’esecuzione di due spie russe: “Mamajev Jesenjanovitsj e Sergej Asjimov”, uno russo l’altro kazako, secondo il Volkskrant, quotidiano olandese: “Jesenjanovitsj si dice un agente del servizio segreto russo venuto in Siria per prendere informazioni sui soldati russi e mandarle in patria”; Asimov invece “era in Siria per trovare informazioni su combattenti a Damasco. Doveva trovare un alto ufficiale dell’Isis”. Prima di morire, una delle spie lancia un appello ad altri suoi colleghi: “Pentitevi”. Il bambino, alla fine del filmato, gioisce: “Ho ucciso gli infedeli, diventerò un mujahed”.

TAG: ISIS