Suor Cristina non andrà a Sanremo 2015

di Redazione | 07/08/2014

Suor Cristina non parteciperà al prossimo Festival di Sanremo. E, forse, la sua carriera nel mondo della musica potrebbe essere già finita ancora prima di iniziare. Dopo un silenzio durato un paio di mesi, la giovane suora di Comiso era tornata a parlare qualche giorno fa alla vigilia del rinnovo dei suoi voti. Suor Cristina aveva detto di essere tornata «alla sua vita da suora» e di aver lasciato ai suoi superiori la decisione sul suo futuro discografico. E questa decisione, ora, sarebbe arrivata direttamente dai vertici dell’ordine delle Orsoline: niente Sanremo.

Foto: Gian Mattia D'Alberto/LaPresse
Foto: Gian Mattia D’Alberto/LaPresse

SUOR CRISTINA E L’INVITO A SANREMO – A riportare la notizia è Italia Oggi, che spiega come Universal – la casa discografica che ha offerto un contratto a Suor Cristina, come premio per la sua vittoria a The Voice of Italy – avesse già pensato a tutto, compreso uno studio di registrazione da allestire direttamente all’interno del convento e un disco da lanciare subito dopo il Festival di Sanremo, al quale ovviamente la giovane religiosa avrebbe partecipato tra le fila dei Big.

 

LEGGI ANCHE: Suor Cristina rinnova i voti religiosi

 

LA DECISIONE DELL’ORDINE DELLE ORSOLINE – Che Suor Cristina Scuccia accettasse di salire sul palco dell’Ariston se lo augurava anche lo stesso Carlo Conti, presentatore del prossimo Festival, ma a quanto pare l’ordine religioso delle Orsoline, con il quale la giovane pronuncerà i voto perpetui tra un anno – avrebbe messo un freno alla sua carriera discografica.

Che sia forse questa la “decisione personale” che la Universal stava attenendo da parte di Suor Cristina? Qualche giorno fa Alessandro Massara, presidente di Universal Italia, aveva dichiarato di essere consapevole del fatto che «tutto stava prendendo più tempo del previsto», ma di comprendere come fosse necessario rispettare le «regole diverse» imposte dal caso piuttosto delicato di Suor Cristina.

 

(Photocredit copertina: Omar Abd el Naser – LaPresse)