«C’è poca gente in sala». E Teo Mammucari annulla lo show

di Redazione | 29/07/2014

Solo settanta spettatori in sala. E Teo Mammucari decide di non uscire sul palco, annullando lo spettacolo nonostante i presenti avessero regolarmente pagato il biglietto. È successo qualche sera fa a Castelraimondo, in provincia di Macerata: e mentre in molti ora invadono il profilo Facebook di insulti e ramanzine, l’episodio finisce sui giornali.

Teo Mammucari spettacolo annullato (6)
Facebook/Teo Mammucari

POCHI SPETTATORI. TROPPO POCHI – A parlarne, tra gli altri, è stato Il Messaggero: a Castelraimondo lo spettacolo sarebbe dovuto andare in scena all’aperto ma, a causa del maltempo, l’amministrazione aveva deciso di spostare tutto in un teatro poco distante dalla piazza principale del paese. Ma quando è stato il momento di andare in scena, Mammucari non si è fatto vivo. Il motivo? Troppi pochi spettatori. Nonostante il pubblico seduto in sala si sia visto rimborsare i 18 euro del biglietto, l’amarezza resta. E in molti si sono riversati sulla pagina Facebook dell’attore, accusandolo di «essersi montato troppo la testa» e di non «aver avuto il coraggio di uscire di persona» per dire che lo spettacolo non si sarebbe svolto.

Leggi i commenti:

LEGGI ANCHE: Beppe Grillo baciato dal disturbatore Mauro Fortini

 

«QUANDO UN ARTISTA PRENDE UN IMPEGNO…» – Anche Renzo Marinelli, il sindaco di Castelraimondo che l’altra sera era presente in sala, ha avuto parole di biasimo per quella che ha definito «scarsa professionalità» dell’artista. Il primo cittadino ha spiegato che quella di Castelraimondo era una data che sarebbe servita da “prova generale” per lo spettacolo e che l’evento era stato pubblicizzato a dovere. «Siamo rimasti sorpresi da questo comportamento – ha commentato Marinelli – Quando un artista prende un impegno dovrebbe portarlo a termine comunque. Secondo me non è stato professionale anche nel rispetto di chi è venuto da lontano, c’è chi ha fatto anche cento chilometri per vederlo e tutti avevano pagato il biglietto. In molti si sono lamentati».

(Photocredit: Cosima Scavolini/LaPresse – Foto di archivio)