L’uomo che ha schivato i due disastri aerei Malaysia

di Redazione | 22/07/2014

Maarten de Jonge è decisamente un uomo fortunato, per ben due volte ha avuto in mano i biglietti per un viaggio verso la morte a bordo dei due aerei della Malaysia Arlines precipitati e per due volte li ha cambiati con altri.

UNO SPORTIVO – Corridore olandese di 29 anni, professionista dal 2007 e ora ingaggiato dalla squadra malese Terengganu Cycling, team Continental, la serie C del professionismo, una sola vittoria in carriera, quest’anno, al Giro della Thailandia secondo la Gazzetta dello Sport. Da qui il suo frequente uso dei voli della Malaysia Airlines

L’AEREO SCOMPARSO – Il giorno in cui è caduto il primo volo, quello poi scomparso dopo il decollo da Kuala Lumpur, De Jonge ha trovato un volo diretto per Taiwan, la sua destinazione finale, e ha così deciso di cambiare il volo che altrimenti lo avrebbe portato a passare per Pechino e impiegare molto più tempo.

LEGGI ANCHE: La truffa dei finti profili Facebook delle vittime del volo MH17

L’AEREO ABBATTUTO – Questa volta invece a salvarlo è stata l’attenzione al risparmio, dopo aver acquistato il biglietto per il secondo volo della morte De Jonge ha scoperto che avrebbe potuto risparmiare dei soldi volando fino a Francoforte e cambiando aereo, così per la seconda volta ha cambiato il biglietto che lo avrebbe portato a morte certa quando già si trovava in aeroporto per l’imbarco e ha pure risparmiato dei soldi. In tutti e due i casi è stato veramente un soffio a separarlo da una scelta fatale. Finito al centro dell’attenzione il ciclista però si è limitato ad esprimere il suo dispiacere per le vittime dei due incidenti, con alcune di quelle in attesa a Kuala Lumpur ci aveva anche parlato, dice, e anche se contento per la sua personale fortuna, pensa che la sua piccola storia i sopravvissuto non debba togliere visibilità a quelle delle vittime.