|

Sara Tommasi: Berlusconi testimone nel processo per stupro

Il processo per stupro a Sara Tommasi avrà un testimone d’eccezione: Silvio Berlusconi. Su Libero un articolo a firma di Peppe Rinaldi ci spiega cosa è successo: gli avvocati dell’imprenditore napoletano Federico De Vincenzo, da mesi detenuto (ora ai domiciliari) con l’accusa di aver prima drogato e poi violentato sessualmente, in concorso con altre persone, la nota showgirl.

Qualcuno ricorderà che lo scorso anno, dopo la realizzazione di uno dei film pornografici che hanno allargato la platea dei già numerosi fan della Tommasi, scoppiò il finimondo in seguito alle accuse lanciate dall’attrice contro produttore, attori e regista. La troupe era in una villetta di montagna in un piccolo centro della provincia di Salerno (Buccino). Le cose filavano lisce, il video fu girato, tutti -in qualche modo-felici e contenti.

sara tommasi stupro

Secondo Libero la storia non è chiara:

 

Poi il tavolo si rovescia per ragioni imperscrutabili (almeno finora) e Sara Tommasi spara a zero contro l’équipe di professionisti dell’hard che l’aveva coadiuvata nell’opera cinematografica: mi hanno prima drogata, con belle dosi di cocaina e poi mi hanno violentata tutti insieme; quelle scene del film non erano frutto della mia volontà e probabilmente anche fuori obiettivo sono stata vittima di ripetute violenze sessuali. Questo, in sintesi, il fattaccio. Messe in fila così, sono accuse che non lascerebbero spazio a troppe speranze per qualsiasi destinatario: una volta dimostrate per intero, s’intende. Il pubblico ministero, Elena Guarino, le ha ritenute sostanziateda indizi e riscontri tali da chiedere ed ottenere dal gip la custodia cautelare per cinque persone, tra cui il produttore De Vincenzo.

Sara Tommasi: Berlusconi testimone al processo per stupro: le foto

Insomma, De Vincenzo vuole screditare la Tommasi facendo testimoniare Berlusconi sulle cose che ha raccontato:

Questo lo sanno soltanto gli avvocati (e il Padreterno), di certo c’è che all’origine della decisione di depositare in cancelleria la lista dei testimoni (in tutto sono 18 contro i 20 dell’accusa) contenente il nome dell’ex premier c’è unragionamento «tecnico» di questo tipo: la nota e bella show girl, in ripetute interviste e dichiarazioni su diversi organi di informazione, rete compresa, avrebbe affermato, tra l’altro, di aver ricevuto 50mila euro dalCavaliere dopo una notte di bunga-bunga ad Arcore e – soprattutto – che sarebbe stato lo stesso Berlusconi a consigliarle di assumere e manifestare un certo atteggiamento da svampita, tutta presa da se stessa, dalle proprie grazie e con la testa tra le nuvole. Pare rappresenti un afrodisiaco potente. A volte.