|

Alfredo Famoso: il tassista aggredito in via Morgagni in fin di vita

Alfredo Famoso è ancora in pericolo: il tassista aggredito in via Morgagni da Davide Guglielmo Righi dopo un diverbio stradale è ricoverato all’ospedale Niguarda e lotta tra la vita e la morte. Repubblica affronta ancora la ricostruzione del caso:

È domenica, quasi ora di cena, fine di una giornata di sole, quando una coppia sta per attraversare un «territorio metropolitano» sempre più spesso al centro di cronache e polemiche: delle semplici strisce pedonali. Una Toyota Prius bianca, radiotaxi 8585, sigla «Aquila 7», secondo varie ricostruzioni, non si ferma. Inchioda poco dopo. Lo fa perché Righi è già riuscito a lanciare contro l’auto bianca le bottiglie di plastica di acqua minerale appena comprate? Un fatto è certo. Lo specchietto retrovisore è rotto e il tassista, Alfredo Famoso, fratello di un altro tassista appena andato in pensione («Aquila 1») e a sua volta prossimo pensionato, scende dall’auto.

alfredo famoso tassista via morgagni 3

E qui le versioni concordano:

La compagna di Righi — concordano i testimoni — è spaventata e lui è inferocito, tanto che solleva ancora le bottiglie, le solleva sin dietro le spalle e, usandole a mo’ di clava, di arma impropria, colpisce il tassista, che arretra e barcolla. Qualcuno sostiene che il tassista venga picchiato di nuovo, ma sembra più probabile — la versione ha più testimoni — che ad Alfredo Famoso cedano le gambe e il tassista vada a sbattere la testa contro lo spigolo della ruota di scorta di un Suv, posteggiato accanto alle strisce pedonali.

Le foto di Alfredo Famoso su Repubblica di oggi: