Andrea Scanzi: la candidatura rifutata per Tsipras fa ridere tutti

di Redazione | 18/02/2014

Andrea Scanzi, popolare giornalista de Il Fatto Quotidiano, annuncia che qualcuno gli ha chiesto di candidarsi con la Lista Tsipras e mentre tanti chiedono i particolari, scattano feroci prese in giro all’indirizzo del giornalista.

candidatura scanzi 1

L’ANNUNCIO – Un paio d’ore fa Andrea Scanzi ha scritto su Twitter che: «Mi è stato appena chiesto di candidarmi nella Lista Tsipras. Ho ringraziato, ma risolutamente declinato. Faccio un altro lavoro.» Immediate le reazioni, Scanzi è personaggio che polarizza e sono in molti quelli che lo criticano e ne criticano infortuni e svarioni, per non dire quanti sono perplessi dal suo interpretare a tratti il ruolo d’araldo del grillismo. A far da contraltare, una nutritissima schiera di fan.

IL RIDERONE – A parte gli sfottò, divertenti e numerosi,  il dato più interessante è la curiosità sull’autore di tale richiesta, se mai c’è stata, in particolare da parte dei commentatori vicini alla Lista Tsipras, che hanno tutta l’aria di voler chieder conto di una mossa del genere a quello che si è fatto venire l’idea.

LEGGI ANCHE: Alexis Tsipras presenta la sua lista al Teatro Valle Occupato – la diretta

SCANZI NON LO VOGLIONO – Scanzi come candidato della sinistra alla Tsipras appare abbastanza improbabile e molti sono rimasti perplessi a leggere il suo messaggio, perplessità che non hanno sfiorato chi ha commentato il messaggio insinuando una mitomania o che Scanzi sia stato vittima di un altro scherzo sullo stile di quelli della Zanzara. L’unico dato certo è che nessuno, ma proprio nessuno, sembra esprimere approvazione per l’idea della candidatura, se si tratta di uno scherzo di Scanzi è sicuramente riuscito bene. Se invece la questione ha un fondo di verità qualcuno della Lista Tsipras ora ha un problema, perché la richiesta di candidatura a Scanzi, che pure per la lista aveva firmato, all’occhio di molti potenziali elettori della stessa lista apparirà indigesto e spia dell’esistenza di problemi grossi.