Cosa fare se si perde il bagaglio in aeroporto

di Redazione | 22/07/2013

In fila si aspetta il bagaglio davanti al nastro trasportatore e, con un tonfo al cuore, si constata che la propria valigia non c’è o arriva con la maniglia divelta o il carrellino privo di ruote. Che fare? “La prima cosa è quella di andare all’Ufficio oggetti smarriti (lost&found), presentare il proprio biglietto, il tagliando del bagaglio e compilare un modulo – spiega Primo Mastrantoni, segretario dell’Aduc -. Queste operazioni servono per avviare le ricerche del bagaglio perso.

 

LEGGI ANCHE: La diretta del travaglio di Kate Middleton

 

IL BAGAGLIO PERSO IN AEROPORTO – Il viaggiatore che vuole essere risarcito, per il bagaglio perso o danneggiato, deve presentare anche una denuncia alla compagnia aerea entro 21 giorni in caso di ritardo e entro 7 giorni in caso di danneggiamento. Spesso si dimentica di effettuare quest’operazione, confortati dalle assicurazioni degli addetti all’Ufficio oggetti smarriti che il bagaglio sarà prontamente ritrovato e riconsegnato. Occorre però fare attenzione ai tempi entro i quali fare la denuncia, poiché si rischia di non ricevere il risarcimento dovuto.

LE REGOLE – La Convenzione di Montreal o di Varsavia stabiliscono valori diversi e prevedono un rimborso a bagaglio, indipendentemente dal valore del bene perduto (salvo il caso di maggiore dichiarazione di valore): per gli Stati che aderiscono alla Convenzione di Montreal: in caso di distruzione, perdita, danno o ritardo si ha diritto ad un risarcimento fino a 1.134 euro; per gli Stati che non aderiscono alla Convenzione di Montreal: per smarrimento o danno si ha diritto ad un risarcimento di 19 euro a kg di bagaglio. Si può chiedere anche il rimborso degli abiti acquistati, allegando le ricevute e il risarcimento del danno ‘biologico’ subìto, la cui quantificazione è lasciata alla valutazione del passeggero che, per avere soddisfazione, dovrà, con molta probabilità, rivolgersi al giudice di pace”.