|

I porno segreti di tutto il pianeta svelati

Non a tutti piacciono le stesse cose e le differenze culturali tra i popoli emergono come acqua sorgiva delineando le peculiarità dell’immaginario collettivo proprio di una nazione. Immaginario che si fonda e si sviluppa anche sull’erotismo e sulla pornografia. Porn MD, il motore di ricerca del web dedicato al porno, ha elaborato una mappa interattiva che stila la classifica delle dieci “chiavi di ricerca a luci rosse” più cercate nei vari paesi, delineando il profilo dei navigatori di ogni nazione in cerca di emozioni forti.

Italia
Italia

MEGLIO QUELLO DI CASA PROPRIA – E salta all’occhio subito una particolarità: nel porno si tende ad essere piuttosto nazionalisti. A parte qualche rarissimo caso (come la Cina), quasi tutte le classifiche vedono alle prime posizioni la nazionalità del paese di riferimento. Credevate che la maggior parte delle persone cercassero qualcosa di esotico? Sbagliato: a quanto pare si cerca il porno di casa propria. Non fa eccezione nemmeno l’Italia, che vede al primo posto l’aggettivo “italian” e al secondo il nome di Sara Tommasi, anche lei 100% made in Italy.

Sfoglia la gallery:

 

LEGGI ANCHE: Sara Tommasi nuda combatte Satana

 

IN IRAN PIACE CON GLI UOMINI D’AFFARI – La Cina, appunto, è uno dei pochi paesi che preferisce il porno esotico o, per la precisione, quello con protagonisti/e di nazionalità giapponese, in barba alle antiche e recenti rivalità tra i due popoli. E le classifiche evidenziano anche curiose perversioni: in Finlandia piace il porno con protagonisti “maturi” (“Granny” – “nonnnina” è al secondo posto della classifica). In Islanda vanno passi per i “massaggi alla prostata”, mentre in Iran si fanno fantasie bollenti sugli uomini d’affari in hotel. Niente a che vedere con le chiavi di ricerca piuttosto tradizionali, per non dire “banalotte” degli Stati Uniti, dove ancora vanno per la maggiore le Milf (Acronimo traducibile con “Mammine che vorrei portarmi a letto”), in contrapposizione con le adolescenti e l’evergreen del “college”.

(Photocredit: PornMD)