|

Gli occhiali che daranno la vista ai ciechi?

Un paio di occhiali, una fotocamera e un impianto nella parte interna dell’occhio e chi ha perso la vista può tornare a recuperare alcune funzioni. 20 Minuten parla di Argus II, la rivoluzionaria protesi retinica.

ARGUS II-OCCHIALI PER NON VEDENTI-3

ARGUS II – 20 Minuten presenta Argus II che finalmente ha dato vita al concetto di occhio bionico. La protesi retinica ha portato pazienti non vedenti a individuare “le lettere grandi” ad esempio, anche se la riabilitazione è un processo lungo. Il funzionamento è simile a quello degli occhiali Google: entrambi i sistemi funzionano grazie a una telecamera che cattura le immagini e le proietta all’interno dell’occhio bionico: un chip che raccoglie le informazioni e le rielabora. “Si può parlare di una specie di Google Glass per non vedenti” ha detto Thomas J. Wolfensberger, medico ricercatore di Losanna.

guarda le immagini:

LA PROTESI – “Varie squadre di ricerca sono al lavoro, in tutto il mondo, per verificare le potenzialità di questa protesi. Finora, l’unico modello approvato è proprio Argus II. Almeno 60 persone hanno testato la protesi retinica” e il medico svizzero ha spiegato che adesso l’impianto sta per arrivare in Svizzera e attualmente è in corso la valutazione dei candidati mentre in Italia la prima sperimentazione è stata effettuata in Toscana. L’intervento dura dalle tre alle quattro ore ma la protesi non ha un costo accessibile, si parla di cifre intorno agli 80 mila euro. Argus II è stato progettato per le persone affette da “retinite pigmentosa“, una malattia degenerativa che porta inevitabilmente alla cecità.

guarda il video:

(Photo Credit/YouTube)