|

Il presidente dei partigiani contro il MoVimento 5 Stelle

‘Citero’ una frase di Gramsci che nel 1921 avvisava che il movimento fascista era nato come antipartito e aveva radunato intorno a se’ un coacervo di forze dietro idee politiche vaghe e confuse’. Lo afferma il presidente dell’Anpi Roma Vito Francesco Polcaro interpellato dall’Ansa a margine del corteo per il 25 aprile a Roma sulla posizione del Movimento 5 stelle che ha comunicato di non partecipare alle celebrazioni in forma ufficiale (mentre alcuni deputati e senatori si sono presentati tra la gente alle celebrazioni).

IL MOVIMENTO E GRAMSCI – A chi gli chiedeva se stesse equiparando il Movimento 5 stelle con il fascismo Polcaro ha risposto: ‘Questa e’ una frase di Gramsci, chi ne deve trarre le proprie conclusioni le tragga’. La frase originale di Gramsci è questa:

Il fascismo si è presentato come l’anti-partito, ha aperto le porte a tutti i candidati, ha dato modo a una moltitudine incomposta di coprire con una vernice di idealità politiche vaghe e nebulose lo straripare selvaggio delle passioni, degli odi, dei desideri. Il fascismo è divenuto così un fatto di costume, si è identificato con la psicologia antisociale di alcuni strati del popolo italiano.

(Antonio Gramsci, L’Ordine Nuovo, 26 aprile 1921, link)