|

Gli americani credono ai rettiliani?

Le teorie del complotto, anche quelle più improbabili, trovano spesso spazio tra le credenze di molte persone. Non poche hanno trovato terreno fertile negli Stati Uniti: tra tutte, quella sui rettiliani, una presunta razza aliena (nati dalla penna dello scrittore inglese Davide Icke , ma non solo) di lucertoloni, capace di governare il mondo in gran segreto, incrociandosi con terrestri compiacenti, e assumere sembianze umane. Secondo un sondaggio proposto dall’Atlantic, sarebbero ben 12 milioni gli americani che credono a questa bufala, ma non solo. Il quotidiano propone ai suoi lettori le credenze più gettonate: c’è anche chi crede nell’esistenza degli alieni (90 milioni, 29% degli intervistati) e chi ritiene che siano sbarcati a Roswell nel 1948. Ma anche chi pensa che il riscaldamento globale sia una bufala (37% degli intervistati, soprattutto tra i repubblicani) e che Obama sia l’anti-Cristo (13%). Ma è Foreign Policy a criticare il sondaggio, soprattutto quando si parla dei rettiliani:  “Data la dimensione del campione – 1.247 elettori – stiamo parlando di 50 persone”, si spiega.

I RETTILIANI E IL SONDAGGIO – Nel sondaggio proposto, l’Atlantic mostra numeri impressionanti: “Dodici milioni di americani credono che i rettiliani governino il mondo”, si spiega. Ma chi sono? Negli oltre 20 libri scritti da Icke, si sostiene come sia questa razza ibrida di lucertoloni, nata dall’accoppiamento tra individui umani e alieni rettiloidi provenienti dalla Costellazione del Dragone, ad avere le redini del governo mondiale. Tra i leader politici dei paesi più importanti del globo si nasconderebbero – per chi crede a questa bizzarra teoria – proprio i rettiliani, che formerebbero la società segreta degli Illuminati (ma non solo: c’è chi considera una “segreta lucertola” pure la cantante Beyonce). Questi esseri, legati alle teorie sugli alieni, avrebbero bisogno del sangue umano per sopravvivere, tanto da ricorrere alle “abduction”: rapimenti in massa di esseri umani, la cui scomparsa verrebbe dissimulata provocando eventi catastrofici quali terremoti, inondazioni e guerre. Lo scopo finale dei rettiliani sarebbe quello di imporre il Nuovo Ordine Mondiale, ossia un unico governo mondiale nel quale americani, inglesi e sionisti occuperebbero una posizione predominante. In pratica, un mix di teorie prive di alcun fondamento e molto fantasiose. Eppure, secondo i numeri – poi criticati da Foreign Policy – non sarebbero certo pochi gli americani a credere a quest’ipotesi.

classifica

I NUMERI E IL SONDAGGIO CRITICATO – Dodici milioni di “credenti” sarebbero per l’Atlantic una cifra impressionante. Oltre che imbarazzante. Ma non è certo l’unica teoria: si mostrano anche i numeri su chi crede all’esistenza di Bigfoot, alla visione di Obama come Anti-Cristo, all’uccisione di JFK vista come una congiura (51% degli intervistati). Fino ad altre teorie del complotto più comuni, come quella dello sbarco sulla Luna: secondo il 7% degli intervistati sarebbe stata soltanto una simulazione. Ci ha però pensato Foreign Policy a sottostimare il sondaggio, minimizzando i numeri. Altro che 12 milioni, i numeri forniti dall’Atlantic sarebbero sbagliati. Soprattutto perché il campione – che supera di poco le mille persone – non è certo rappresentativo. E si fa anche dell’ironia sullo stesso sondaggio: “Siete sicuri che, se qualcuno vi facesse quella domanda, non sareste tentati dal dire: ‘Si, credo certamente sui rettiliani’, prendendo in giro chi lo realizza?”, si continua. Certo, per Foreign Policy non mancherebbero nemmeno i soggetti suggestionabili e creduloni. O chi non accetta la realtà, oppure l’impossibilità di trovare prove certe. E si conclude: “Desta più sorpresa poi il fatto che soltanto il 29% degli americani creda nella possibile esistenza degli alieni”. In mezzo alle tante bufale e alle teorie del complotto, forse, l’unica ipotesi nella quale lasciare il velo del dubbio.