Fumo digitale: verità e leggende sulla sigaretta elettronica

21/06/2010 - di

Non fa perdere il vizio, ma sicuramente fa meno male. Contiene prodotti naturali innocui e nessuna delle sostanze tossiche o cancerogene come quelle contenute nelle sigarette tradizionali, mentre resta invariata la quantità di nicotina. Ecco tutto quello che c’è da sapere

Da un paio di anni ha iniziato a diffondersi anche in Italia la sigaretta elettronica. L’inizio è stato molto timido e i primi utilizzatori erano considerati a metà tra marziani e sognatori, poveri illusi che speravano di affrancarsi dall’odiato vizio del fumo simulandone le sensazioni con un aggeggio elettronico. Pian piano, però, le cose stanno cambiando e tutto lascia prevedere che ben presto la sigaretta elettronica diventerà un oggetto molto comune e, probabilmente, il nemico numero uno dell’industria del tabacco, più pericoloso di quanto lo siano stati i divieti legislativi e le campagne antifumo. Nel frattempo, intorno alla sigaretta elettronica si stanno sviluppando dibattiti, critiche, analisi e, come spesso capita, molte leggende e pregiudizi. Un po’ di chiarezza non guasta.

MADE IN CHINA – Per pochi euro è possibile acquistare una sigaretta elettronica da una bancarella o un negozio cinese. Se ne trovano anche a 10 euro. Per molto di più (anche 100 euro) è possibile acquistare un prodotto di marca dal tabaccaio o in farmacia o via web. Capita sovente di sentire gente sentenziare: “Non metterei mai in bocca una sigaretta comprata dai cinesi, preferisco quelle di marca”. Ebbene, le sigarette elettroniche sono un’invenzione cinese. Il brevetto è cinese e le prime sigarette elettroniche sono state prodotte proprio in Cina. Quasi tutte, se non tutte, le sigarette elettroniche “di marca” sono anch’esse prodotte in Cina.

COME FUNZIONA – Essenzialmente, una sigaretta elettronica è composta da una batteria al litio (di forma cilindrica, proprio come una sigaretta vera), un minuscolo vaporizzatore (o meglio: atomizzatore) e un filtro usa e getta nel quale è alloggiato un serbatoio contenente una soluzione di liquidi alimentari e nicotina. Aspirando, un sensore attiva la batteria che fa funzionare l’atomizzatore (costantemente inumidito dal serbatoio contenuto nel filtro) che produce così una certa quantità di vapore che viene aspirato esattamente come si fa con il fumo di una sigaretta normale. Il vapore simula perfettamente il fumo e la nicotina contenuta nel serbatoio garantisce gli stessi effetti di quella sprigionata dal tabacco. Tuttavia il vapore di una sigaretta elettronica non contiene catrame né alcuna delle altre sostanze nocive contenute nel fumo delle sigarette normali, per cui non c’è danno ai polmoni né rischio di beccarsi un cancro. Tutti gli effetti negativi delle sigarette sono praticamente assenti, tranne quelli direttamente connessi alla nicotina. Una volta “prosciugato” il serbatoio di liquido contenuto nel filtro, quest’ultimo va cambiato. La quantità di nicotina contenuta in un filtro elettronico e la sua durata equivalgono a circa 10 sigarette normali. La batteria ha una durata limitata, una volta scarica va ricaricata o sostituita con una batteria carica di riserva.

I MODELLI –  Presso alcune tabaccherie è in vendita il modello Categoria, che comprende un portasigarette del tutto simile a un normale pacchetto di sigarette, che svolge anche la funzione di caricabatteria grazie a un accumulatore di energia elettrica incorporato. Il portasigarette può ospitare la sigaretta in uso, una batteria di ricambio e 5 filtri di riserva. Abbastanza per andare avanti un’intera giornata, e alla sera il portasigarette può essere ricaricato attaccandolo a una presa elettrica. Il kit Categoria costa circa 90 euro ma sul web è facile trovare kit identici di altre marche a un prezzo notevolmente inferiore. Queste sigarette elettroniche sono identiche per dimensioni a una sigaretta vera, e hanno perfino un led luminoso che simula la combustione del tabacco al momento dell’aspirazione. Esistono però altre sigarette elettroniche che rinunciano alla somiglianza con quelle normali offrendo migliori prestazioni (in termini di durata delle batterie e potenza della vaporizzazione), spesso a costi inferiori.

UNA NUOVA CULTURA DEL FUMO –  E’ possibile utilizzare la sigaretta elettronica per smettere di fumare, acquistando filtri con un contenuto di nicotina sempre più ridotto fino ad annullare del tutto l’assuefazione. Spesso, però, i fumatori elettronici non hanno alcuna intenzione di smettere e hanno messo a punto nuove parole e nuovi riti. Parlano di “hit” per definire e misurare la sensazione del fumo al momento dell’aspirazione (che nella sigaretta elettronica dipende da fattori quali temperatura, consistenza e quantità del vapore, e concentrazione di nicotina) e di “svapare” per indicare il fumo elettronico. I filtri preconfezionati costano parecchio (circa un euro l’uno) e spesso durano molto meno di quanto pubblicizzato per cui i più esperti hanno imparato a ricaricarli utilizzando flaconi di liquido acquistati via internet e molto più economici. Alcuni miscelano da sé la soluzione liquida che utilizzeranno per le ricariche: con pochi euro acquistano la base (glicole propilenico, glicerina vegetale) cui aggiungono un po’ d’acqua, la quantità di nicotina desiderata e gli aromi. Su questi ultimi la scelta è pressoché infinita: si va da quelli che riproducono il gusto del tabacco a quelli al cacao, alla liquirizia, alla menta, alla frutta.

I RISCHI –  Se il liquido utilizzato nei filtri contiene effettivamente solo ciò che deve contenere, il fumo elettronico è innocuo. Il glicole propilenico non è tossico ed è completamente idrosolubile, quindi l’organismo lo espelle con le urine senza problemi; la glicerina vegetale è un prodotto naturale senza controindicazioni. La nicotina è invece una sostanza molto tossica contenuta nel tabacco, che crea assuefazione. Tuttavia la quantità assunta attraverso il fumo (normale o elettronico) è minima per cui non presenta particolari rischi. Anche gli aromi utilizzati, se naturali o comunque certificati, non sono pericolosi. E’ però evidente che se i prodotti utilizzati nella preparazione dei liquidi non sono di buona qualità, essi possono contenere sostanze tossiche o comunque nocive. Ma siamo infinitamente lontani rispetto ai rischi derivanti dal fumo normale, che contiene migliaia di sostanze tossiche e cancerogene. Il punto chiave è proprio questo: non fumare affatto è decisamente la scelta migliore, ma fumare elettronico è estremamente più sicuro e salutare che fumare tradizionale.

QUALCUNO NON LA VUOLE - Ciò nonostante, sono in tanti a scagliare anatemi contro le sigarette elettroniche: in Usa la Fda ha cercato in tutti i modi di contrastarne la diffusione e il governo canadese ha raccomandato ai propri cittadini di non usarla. E questo è davvero sconcertante: nessuno si è sognato di vietare le sigarette tradizionali, che rappresentano la principale causa di morte per cancro polmonare e concorrono a determinare varie patologie più o meno gravi. Ed ecco invece che la sigaretta elettronica, che nel peggiore dei casi fa molto meno male di una sigaretta normale, è ritenuta pericolosa. In effetti una ragione c’è, a giustificare l’ostilità: molti produttori di sigarette elettroniche le pubblicizzano come un valido sistema per ridurre o azzerare la dipendenza dal fumo. Questo non è vero, o meglio non è provato. Mancano studi scientifici che dimostrino che attraverso l’uso della sigaretta elettronica si possa eliminare l’assuefazione alla nicotina. Questo tipo di pubblicità è quindi ingannevole, ma resta il fatto che svapare è molto più sicuro che fumare, per sé e per gli altri.

56 Commenti

  1. alessandra scrive:

    ormai è più di un mese che la uso e ho mollato le lucky strike (un pacchetto al dì)
    Non ho comprato quella che vendono in farmacia perchè è un pacco e costa un botto. Basta fare una ricerca, ci sono vari forum e di appassionati che danno consigli per farsi un’idea e imparare a svapare.Inoltre esistono molti shop online e fisici anche in italia che vendono validi prodotti e professionalmente ti indirizzano all’acquisto.
    Il clicole e la glicerina si acquistano nelle farmacie dotate di laboratorio galenico, nicotina + aromi online e si parte.

    Evitate i pacchi da farmacia tipo “categoria” e “T-fumo”!!

    • LUIGI scrive:

      dare un giudizio cosi “forte” e superficiale su i prodotti da farmacia mi sembra un po riduttivo, visto che l’unico studio clinico testato su delle persone è stato proprio effettuato dalla LEGA ITALIANA ANTI FUMO usando il marchio CATEGORIA, e che i risultati dello studio stanno facendo il giro del mondo…..Che poi le prestazioni della sigaretta categoria siano diverse dalle blasonate ego è un altro discorso
      visto che le dimensioni e le batterie sono diverse anche in potenza…….
      Per quanto riguarda poi il prodotto CATEGORIA, per essere una sigaretta delle dimensioni ridotte ovvero (le stesse delle sigarette da tabacco) e usando i cartomizer non è per niente male……
      LA COSA PIU IMPORTANTE E’ CHE LA SIGARETTA ELETTRONICA SI STA SDOGANANDO E CHE L’ITALIA PUO VANTARE AD OGGI DELL’UNICO STUDIO CLINICO EFFETTUATO SU DEI FUMATORI…..

  2. T-Damu scrive:

    Io due anni fa, ho smesso definitivamente di fumare, grazie all’aiuto di una sigaretta elettronica. Sicuramente è stato necessario caricarsi di buona volontà, ma è comunque servita come “palliativo”, per alleviare le frequenti crisi di astinenza iniziali.

  3. Gianni Tocco scrive:

    ciao,
    mi ciucciate il cazzo?

  4. Raffaele scrive:

    Anch’io ho smesso di fumare grazie a questa sigaretta elettronica trovata per caso su un sito internet http://www.futuresig.com

    Inizialmente ero scettico ma poi mi sono abituato, e potevo fumarla anche in ufficio!!

  5. io scrive:

    SICURAMENTE GIANNI TOCCO……..SIAMO TUTTE QUI PER TE
    MA VAFFANKUL……GIA’ TI TOCCHI, CONTINUA A FARLO SOMARO!

  6. riccardo scrive:

    Ho iniziato con la sigaretta elettronica da 5 giorni, adesso ho difficoltà a dormire, è possibile che i dosaggi di nicotina siano troppo alti??
    Ho iniziato con dei flaconi già pronti con nicotina a 9mg/ml e 18mg/ml dei 4 di prova da 10ml l’uno me ne avanza più di metà.
    A qualcun’altro è capitato?

Ultime Notizie