|

Il video della lite Facci-Labate in diretta tv

Non era ancora il tempo del ballottaggio delle primarie del Centrosinistra che hanno visto prevalere in maniera molto netta Pierluigi Bersani su Matteo Renzi: sabato sera ad in Onda è andato on air su La7 un litigio fortissimo fra Filippo Facci di Libero e Tommaso Labate di Pubblico.

 

LEGGI ANCHE: “Sallusti ha una spiccata capacità a delinquere”

 

LO SBROCCO – In diretta dal tribunale di Milano il giornalista vicino al centrodestra e coperto dall’ombrello di Nicola Porro ha iniziato a parlare dell’arresto del direttore del Giornale, Alessandro Sallusti e ha accusato l’ordine dei Giornalisti e la Federazione della Stampa di essere una dasta e di non aver in alcun modo difeso il giornalista arrestato per “un pezzo che non aveva scritto. Ecco il video, pubblicato dal Giornale.

video platform video management video solutions video player

“Dove è l’ordine? Dove è la Federazione della Stampa?”, ha chiesto Facci, “che continuano a fare i distinguo e a farsi le p***e mentali come qualcuno che vedo lì in studio”, riferendosi a Labate, presente: “De Bortoli ha cento e più condanne per omesso controllo, Giorgio Bocca ne aveva centocinquanta: qui c’è un magistrato che ha querelato e due pubblici ministeri che hanno chiesto la galera; due giudici che l’hanno concessa e il querelante che ha fatto causa civile e non voleva ritirare la querela. La magistratura ha voluto Sallusti in galera: c’è un problema esplicito di magistratura”.

LA REPLICA – Il giornalista di Pubblico dice di comprendere “lo stato di Facci”, da Milano Facci gli risponde che “non è serata”, Labate continua: “Ti sento ad intermittenza dare la colpa alla magistratura da quando ero in quinto ginnasio, nel 1994”. “E se permetti”, continua Labate, “fatico a considerare quel pezzo di Farina un’opinione”, riferendosi al pezzo alla base della condanna di Sallusti: Facci, “fuori controllo” secondo Telese, chiede “al ragazzino” Labate di farlo parlare, augura “buon Renzi e buon quell’altro” a tutti e annuncia che da oggi in poi “parlerà solo di Sallusti”.

 

LEGGI ANCHE: