|

Il padre incestuoso che scandalizzò l’Austria divorzia dalla moglie

Vi ricordate di Josef Fritzl, l’uomo austriaco che tenne in schiavitù sua figlia per 24 anni avendo da lei altri sette bambini? Il mostro è tornato a far parlare di sé per via del divorzio dalla moglie, 52 anni, a causa delle sue mancate visite in carcere. Ce ne parla la Reuters.

IL DIVORZIO – Il 77enne più famoso d’Austria sta scontando il carcere a vita per il reato d’incesto, stupro, coercizione, riduzione in schiavitù ed omicidio di uno dei suoi figli. Le autorità non hanno intenzione di parlare dei fatti privati di Fritzl. Al contrario, la stampa scandalistica locale sembra ben interessata ad approfondire l’argomento, sopratutto perché la donna, Rosemarie, non riceverà più alcuna pensione proprio a causa del divorzio.

 

LEGGI ANCHE: “Fare sesso con la figlia 500 volte non è stupro”

 

IL CASO – L’uomo rapì la figlia Elizabeth rinchiudendola nelle fondamenta della loro casa di Amstetten quando la giovane aveva solo 18 anni. Successivamente il padre la costrinse a scrivere una lettera alla mamma nella quale annunciava la sua fuga. La donna riuscì a tenere con se tre dei suoi figli fino al 2008, quando vennero liberati dal mostro. Altri tre bambini invece vennero accolti in casa dalla nonna e da Fritzl, il quale li identificò come trovatelli.

LEGGI ANCHE: