Criminal Intent, un Law and Order che non appassiona

L’ennesimo spin-off del serial creato da Dick Wolf non regge il confronto con l’originale, e probabilmente nemmeno con le altre...

L’ennesimo spin-off del serial creato da Dick Wolf non regge il confronto con l’originale, e probabilmente nemmeno con le altre serie derivate: personaggi abbozzati, trame fin troppo ordinarie e scarso realismo.

“Senza satellite”: la rubrica-antologia di tutto quello che si è costretti a vedere quando non ci si può permettere la pay-tv.

A vederlo vestire di nuovo i panni del detective Mike Logan ci si resta un po’ male. Perché Chris Noth uno ormai se lo immagina solo in doppiopetto dal taglio impeccabile, mentre esce da una limousine a Manhattan, inseguendo o facendosi inseguire da Carrie Bradshaw in un episodio di Sex and the City. Invece, imbolsito, invecchiato e con giubbini dal taglio terrificante, Chris Noth è tornato a fare il poliziotto a New York, in uno spin-off di Law and Order, la serie giudiziaria-poliziesca che lo aveva lanciato anni fa come stella del piccolo schermo.

LA SERIE MADRE – Criminal Intent nasce come costola del più famoso Law and Order, il serial tv tribunalesco più famoso al mondo, nato nel 1990 e tuttora in vita. Più che una serie tv Law and Order è diventato una catena di montaggio, o un mondo parallelo: i protagonisti del telefilm principale invecchiano in video – qualcuno addirittura ci muore, praticamente – oppure vengono riciclati in produzioni ispirate a nuove squadre, sempre orbitanti attorno a polizia e tribunale di New York. Una tendenza talmente marcata, che in una puntata dei Simpson – il celebre cartoon – Bart ad un certo punto vede in televisione un nuovo spin-off di Law and Order: “Law and Order: Squadra ascensori”. Per ora Dick Wolf, l’inventore della serie originale, non ci ha ancora pensato, ma non disperiamo: diamogli tempo, e creerà un telefilm anche sulla squadra di donne delle pulizie che rassettano il tribunale.

IL REALISMO DI LAW AND ORDER - Dei vari sottoprodotti, onestamente, Criminal Intent, ancorché di successo, è forse il meno riuscito. Il Law and Order originale si è sempre caratterizzato per un impianto fortemente realistico, e per aver saputo creare, negli anni, dei personaggi molto credibili: memorabili il tostissimo procuratore Mc Coy (Sam Waterston, già premio Oscar per Le urla del Silenzio), figlio di un poliziotto che lo malmenava, favorevole alla pena di morte, capace di intrugliare con qualsiasi sottigliezza del codice pur di spuntarla in un processo, o il dolente investigatore Lennie Briscoe, sempre in bilico fra l’esigenza di essere un duro e i problemi personali dovuti alla sua dipendenza dall’alcol.

I DIFETTI – Criminal Intent invece resta una passabile e curata serie poliziesca, ma nulla più. Personaggi appena abbozzati, scarsa introspezione. La squadra si deve occupare di “crimini speciali” con risvolti particolati: sono delitti che avvengono nei quartieri alti di New York, e il metodo usato per venirne a capo dovrebbe esser quello del profilo psicologico: ma è come se mancasse qualcosa. A furia di ripulirel’ambiente e i poliziotti per renderli adatti a muoversi nella Manhattan bene, si mettono in scena macchiette senza spessore. Robert Goren, l’investigatore principale della serie, interpretato da Vincent D’Onofrio, non pare uno sbirro, è Sherlock Holmes. Quando entra sulla scena del delitto, usma l’aria e in base all’odore della polvere da sparo identifica l’arma, discetta con i sospetti di filosofia, teologia, letteratura, chimica come se si fosse ingoiato l’intero archivio di Google. Non si capisce perché lo tengano a fare il poliziotto, dato che un tipo del genere, come minimo, dovrebbe stare nella commissione per selezionare i Nobel.

UNA SERIE PATINATA - Le colleghe sono fresche di trucco e parrucco, il capo dell’unità è lindo, pulito e sorridente come chi deve essere sempre pronto a gestire una conferenza stampa. Il tribunale non si vede più, nemmeno sullo sfondo: ogni tanto un procuratore nero fa una capatina negli uffici della squadra, e il capitano gli offre un caffè: questo è tutto. Quanto alle trame, non se ne può dire né bene né male: sono ordinate, scorrono, ma anche un encefalogramma piatto scorre via, e non è un buon sintomo. Insomma, Criminal Intent è una serie patinata, che con la realtà di New York o di qualsivoglia città al mondo (ne esiste una serie ambientata anche a Parigi, per dire che la premiata ditta Wolf è ormai internazionale) ha poco a che vedere. È artigianato, neanche della miglior specie. Si lascia vedere, e difatti la vedono in molti. Viene da domandarsi perché. E da rispondersi che, in fondo, forse in giro non c’è molto di meglio.

Tag: