La ‘guerra del pene’ tra italiani e tedeschi

sesso mega800

In Germania ci sfottono per le dimensioni. Un docente universitario tranquillizza: "Loro hanno disfunzioni erettili più frequenti"

Sembra essere scoppiata una sorta di ‘guerra del pene’ tra tedeschi e italiani. Dopo un articolo della Bild sullo spread dell’organo sessuale maschile, dalla Germania ci sfottono per le nostre dimensioni ridotte. Ma un professore dell’Università di Padova, l’andrologo Carlo Foresta, risponde alle accuse spiegando che sono i tedeschi ad avere qualche problemino in più.

 

LEGGI ANCHE: “L’orgasmo non serve più”

 

PIU’ DISFUNZIONE ERETTILE – Ne parla il quotidiano Il Mattino:

I tedeschi dopo aver letto la “Bild” sbertucciano gli italiani perché gli si è ristretto il pene? Ride bene chi ride ultimo, parola dell’andrologo padovano Carlo Foresta. Se per gli uomini del Belpaese è una questione di centimetri (il membro italico si è perso quasi un centimetro in 50 anni, da 9,8 a 8,9), per quelli d’Oltralpe i guai possono essere di gran lunga più imbarazzanti: il numero di coloro che fa cilecca sotto le lenzuola infatti cresce con l’aumentare del giro vita. E visti i numeri tedeschi dell’obesità maschile, pare ci sia poco da stare allegri. «Volendo essere ironici», spiega Foresta, professore ordinario dell’Università di Padova, «se i nostri ragazzi possono aver più problemi da giovanissimi, quando la percentuale di obesità è più elevata rispetto a quella dei coetanei tedeschi, la questione si capovolge durante l’età adulta. È riconosciuto che un eccesso di peso corporeo provoca gravi effetti sull’attività sessuale, in particolare per quanto riguarda la disfunzione erettile». Il quotidiano tedesco “Bild” ha lanciato il guanto di sfida riportando in chiave nazional popolare i dati di uno studio condotto dall’équipe di Foresta. Che ora spiega le motivazioni dello studio, condotto prima su duemila giovani in Veneto e poi allargato a diecimila diciottenni italiani grazie al progetto Androlife: «Abbiamo voluto studiare le caratteristiche antropometriche dei giovani del terzo millennio. Abbiamo notato un allungamento delle braccia, delle gambe e per conversounadiminuzione della lunghezza delpene e delvolume del testicolo. La crescita quindi non è armonica: questo è dovuto a una minor presenza di testosterone. Da cosa dipende? Dall’ habitat, dalla chimica presente in molti alimenti, dall’inquinamento».

 

LEGGI ANCHE: