|

Quella che ti rapinava come Diabolik

E’ finita nei guai un’informatrice scientifica di prodotti odontoiatrici di Padova che realizzava furti dopo aver narcotizzato i suoi amici commercianti. Come nei fumetti di Diabolik.

GLI ANESTETICI NEL CAFFE’ – Da quanto si apprende la donna versava un liquido anestetico nelle tazzine di caffè offerte ai suoi clienti per poi rubare il denaro in cassa. Ne parla Enrico Ferro sul Mattino di Padova:

Un sorriso ammiccante e un caffè offerto da una donna: difficile rifiutare. Barbara Faccioli, 40 anni, informatore scientifico di prodotti odontoiatrici, residente a Padova in viale della Navigazione interna, lo sa fin troppo bene. Con questa tecnica, in almeno quattro occasioni, ha tentato di derubare amici commercianti di Vicenza e in due casi ci è pure riuscita. Somministrava loro potenti farmaci anestetici e narcotizzanti con cui li faceva addormentare, rubando poi tutto il denaro che riusciva a trovare. Questa storia ai confini con la realtà è stata accertata dai poliziotti della squadra mobile di Padova e Vicenza. Il gip nell’ordinanza scrive: «Non esitava ad ingannare gli amici mettendo a repentaglio la loro salute per sottrarre denaro ». Ieri è stata arrestata. Quattro gli episodi al centro delle indagini coordinate dal pmPaolo Pecori della procura vicentina. Secondo quanto accertato dagli investigatori della polizia l’informatrice scientifica andava a trovare i suoi amici commercianti offrendo loro caffè, pastine, bibite e in un caso anche un barattolo di ciliegie sotto spirito. In un caso un commerciante si era sentito male dopo aver bevuto un caffè con lei ed era stata la stessa donna a chiamare un’ambulanza per portare lo sventurato in ospedale. Al ritorno in negozio, questi si è accorto che gli era sparito tutto il denaro dalla cassa. In altre occasioni le vittime si erano sentite male o addirittura addormentate.

2 COLPI RIUSCITI SU 4 – Con il suo escamotage l’informatrice scientifica aveva buone probabilità di mettere a segno i furti. Continua Ferro sul Mattino:

La polizia ha scoperto che ad una donna l’informatrice aveva chiesto di tenere per un attimo il vassoio con due caffè, versando sotto i suoi occhi un liquido in una tazzina. In tutto le vengono contestati quattro furti: due andati a segno e due solo tentati. Nella sua abitazione ieri mattina i poliziotti coordinati dal vice questore aggiunto Marco Calì hanno trovato e sequestrato 650 fiale di un farmaco anestetico odontoiatrico. Non si sa se si tratti dello stesso prodotto utilizzato per mettere ko le vittime. Per averne la conferma si dovrà attendere l’esito delle analisi della scientifica. Dopo una delle numerose visite, infatti, la donna avrebbe dimenticato nel negozio di un commerciante un vasetto di ciliegie sotto spirito: dopo averle mangiate l’uomo si era subito sentito male. Barbara Faccioli, single e senza figli, non ha precedenti penali.