|

L’uomo morto in casa e trovato vent’anni dopo

Il Guardian ci parla del ritrovamento di un uomo spagnolo morto in casa sua nel 1992 e rimasto nel corridoio senza che nessuno si accorgesse della sua mancanza.

SILENZIO TOTALE – L’uomo si chiamava Vicente Benito ed è stato ritrovato a Canizal. La polizia ha trovato solo delle pesetas, la vecchia moneta spagnola, segno tangibile che l’uomo è deceduto prima dell’avvento dell’Euro nel 2002. Nel villaggio nessuno ha visto Benito per circa 20 anni, eppure stiamo parlando di un luogo di 520 anime. I vicini hanno suonato per molto tempo alla sua porta ma visto l’assenza hanno pensato che poteva essersi trasferito nel vicino portogallo o che avesse trovato una fidanzata. Le ultime versioni lo davano come pastore da qualche parte nel mondo.

 

LEGGI ANCHE: Il ragazzo che mangia cuore e cervello dell’amico

 

SALVATO IL CANE, MA LUI? – Vent’anni fa qualche vicino si arrabbiò perché lasciò il cane legato alla ringhiera del balcone. Uno di loro arrivò e liberò il cane portandolo via ma passando da fuori. Erano convinti l’avesse abbandonato, non che gli fosse successo qualcosa. Il sindaco, Miguel Angel Herrero, ha spiegato: “probabilmente l’ultima volta che è stato visto in vita doveva essere circa 15 anni fa, ma non ne sono sicuro”.

L’IRRUZIONE DEL NIPOTE – La scoperta è arrivata grazie a un nipote, anche lui abitante del villaggio, che ha deciso di fare irruzione nella casa dello zio trovando così i suoi resti. Vicente Benito oggi avrebbe 73 anni, quindi vuol dire che è morto intorno ai 55. “Aveva smesso di parlare con i paesani e iniziò a lavorare come pastore. Era sempre in giro, per questo motivo la gente non si è preoccupata troppo della sua assenza”, ha concluso il sindaco Herrero.

MORTO NEL 1992? – Probabilmente l’uomo scomparve nel 1992, anno in cui la sua ex moglie ne denunciò la scomparsa. Da allora si è risposata andando a vivere nel vicino villaggio di Olmo de la Guareña. A confermare questa versione il ritrovamento in casa di un biglietto della lotteria organizzata dalla Once, associazione dedicata alla tutela dei ciechi, risalente ai primi anni novanta.

LEGGI ANCHE: