J-AX
|

La commovente lettera di J-Ax al suo gatto che non c’è più: «Mi hai salvato la vita»

«Forse non te l’ho mai detto, ma mi hai salvato la vita». «Nessuna persona mi hai mai dato quello che ho avuto da te». «E ora che hai perso la tua battaglia mi manchi ogni giorno». Sono alcune frasi di una commovente lettera, un toccante messaggio, che J-Ax ha scritto al suo gatto Little, un piccolo felino che non ce l’ha fatta a vincere la sua battaglia contro una malattia. Il 45enne cantautore ha postato le sue parole su Facebook per un post, accompagnato da una foto sua con il gatto, diventato virale. In due giorni la lettera è stata condivisa da oltre 20mila utenti e commentata quasi 10mila volte.

 

LEGGI ANCHE > Il prete accusa la ragazza stuprata, gli italiani contro. Uno su 4 gli dà ragione

 

LA LETTERA DI J-AX AL GATTO: «MI HAI SALVATO LA VITA»

«Ciao Little, forse non te l’ho mai detto, ma mi hai salvato la vita. Forse – ha scritto j-Ax – a qualcuno può sembrare strano parlare così di un gatto, non sei neanche di una di quelle razze che le signore ricche tormentano con dei pettini finché non vincono qualche trofeo d’oro ( che poi sono di ottone… ). Però, del resto, mi hai sempre capito. Forse non le mie parole, ma il mio animo – sì, quello sempre.  Siamo stati assieme da tanto. Sei entrato nella mia casa più di 15 anni fa. Una vita per me. Per te, 5 o 6, credo.  E, devo essere sincero, i primi tempi non è stato facile».

 

 

Il cantante ringrazia Little di essere sempre stato al suo fianco: «C’eri anche quando pensavo che l’unico modo per dimenticare, per anestetizzare il dolore, fosse l’alcool. Mi hai aiutato a smettere. Senza di te, oggi, non sarei qui. Per questo, il giorno che ho scoperto che ti eri ammalato, ho avuto così tanta paura. Avevi smesso di mangiare. Stavi lentamente svanendo. Il veterinario disse “diabete”. Quasi tutti mi dissero che non ce l’avresti fatta. Ma io lo sapevo che non avresti mollato. È bastato darti indietro 1/10 di quello che mi hai dato tu in questi anni per vederti ritornare a vivere.  Alcuni mi hanno detto che sono state cure ‘esagerate’. Che non sei una persona, ma ‘solo un gatto’. Hanno ragione, sei solo un gatto.  Infatti nessuna persona mi ha mai dato quello che ho avuto da te. Perché così sono i gatti.  E so che ti saresti preso cura di me come io ho fatto on te. Lo so, perché lo hai già fatto. E ora che hai perso la battaglia mi manchi ogni giorno».

(Immagina dalla pagina Facebook di J-Ax)