Di Maio candidato premier
|

Di Maio candidato premier, l’ironia dei social: «A vinto le condominiarie» | GALLERY

La non notizia del giorno è Luigi Di Maio candidato premier per il Movimento 5 Stelle. L’esito del voto online è stato ufficializzato ieri dal palco di Rimini da Beppe Grillo. «I votanti sono stati 37.442…Un certo Luigi Di Maio ha preso 30.936 voti», ha detto il Garante, passando al pupillo il testimone politico: «Da domani il capo politico del M5S non avrà più il mio indirizzo, tutte le denunce arriveranno a te».

Che l’esito delle consultazioni online fosse scontato è evidente. Forse è per questo che la partecipazione è stata così bassa: degli oltre 140.000 iscritti al movimento (gli aventi diritto) hanno votato solo 37.000 persone. 30.000 preferenze sono andate a Di Maio: una cifra in percentuale altissima, ma in assoluto non molto. Gli utenti dei social non hanno contenuto l’ironia: «Praticamente Di Maio ha vinto le condominiali»; «Io ho più followers ma resto umile», «Mica pochi per eleggere il rappresentante d’istituto».

L’IRONIA SU DI MAIO CANDIDATO PREMIER

Alle critiche sulla bassa affluenza, ha risposto in prima persona Di Maio candidato premier: «Non è importante sapere quanti hanno votato, dobbiamo invece parlare dei milioni di voti da prendere nelle prossime elezioni politiche. Andando a spiegare a tutti quale è la nostra visione del paese a lungo termine, basata su temi come l’inquinamento, il dissesto idrogeologico, l’alimentazione, l’agricoltura, il telelavoro, la diffusione delle auto elettriche. Vogliamo creare uno Stato che ti protegge e ti sta vicino, non possiamo vivere sempre in guardia».

LEGGI ANCHE > L’HACKER ROGUE 0: «ECCO COME HO VOTATO DI MAIO 10 VOLTE SU ROUSSEAU»

E contro Di Maio candidato premier sono piovute anche le battute di sempre, quelle sui congiuntivi che spesso manca, sugli scivoloni in geografia. Il meme più carino è «O vinto me». E c’è anche chi cattura lo sbadiglio di Beppe Grillo: talmente scontato l’esito della consultazione, che anche il Garante si è annoiato a ufficializzarlo.