don Biancalani
|

Alla messa “vigilata” da Forza Nuova don Biancalani ha accolto i militanti con una stretta di mano

Lo aveva promesso e poi lo ha fatto: Forza Nuova questa mattina si è presentata alla messa celebrata da don Biancalani, il sacerdote di Vicofaro (Pistoia), che ha portato in piscina un gruppo di migranti e poi ha condiviso la foto della giornata su Facebook, attirandosi non poche critiche.

Sono una ventina i militanti di Forza Nuova che si sono presentati questa mattina prima della messa delle 11 davanti alla chiesa di Vicofaro, gremita come non mai. Giornalisti e fotografi, esponenti del Pd, ma anche tanti cittadini del comune in provincia di Pistoia, che hanno voluto partecipare alla celebrazione eucaristica per manifestare la loro solidarietà a don Biancalani. Per l’occasione il sacerdote non era solo sull’altare: a concelebrare la messa insieme a lui c’era il vicario del vescovo di Pistoia.

DON BIANCALANI E LA STRETTA DI MANO AI MILITANTI DI FORZA NUOVA

I militanti di Forza Nuova sono stati accolti da fischi e grida “buffoni”, “fascisti”, “fuori, fuori!”. Don Biancalani, invece, ha stretto loro la mano, ricordando – senza finire la frase – quello che già aveva detto nei giorni passati, cioè che la celebrazione non deve essere rovinata da manifestazioni politiche.

Dopo che don Biancalani – come tutte le domeniche – ha stretto all’entrata della chiesa di Vicofaro le mani di tutti, la messa ha avuto inizio. Da un lato schierati i militanti di Forza Nuova, una ventina circa, e dalla parte opposta alcuni di quei giovani migranti che il sacerdote aveva accompagnato in piscina. Tra loro Ibrahim, originario del Gambia: “Sono musulmano, ma alla Messa di don Massimo io ci sarò”. Una scelta che il ragazzo aveva spiegato così, in italiano: “Massimo aiuta anche i poveri italiani che sono ospiti qui: viviamo con loro come fratelli”.

IL VICARIO DEL VESCOVO DI PISTOIA: “DON MASSIMO CONIUGA IL VANGELO CON LA VITA”

Durante la celebrazione, don Biancalani si è scusato con i parrocchiani per il “clamore mediatico” piovuto sulla chiesa di Vicofaro per tutta questa vicenda. Il vicario del vescovo, che ha concelebrato la messa insieme a lui, ha voluto così testimoniare la sua vicinanza al sacerdote: “Don Massimo coniuga il Vangelo con la vita e la sua è una bella testimonianza perché accoglie ragazzi da altri Paesi e senza fissa dimora da anni”.

 

LEGGI ANCHE > DOMENICA FORZA NUOVA ANDRÀ A MESSA PER «VIGILARE SULLA DOTTRINA» DEL PRETE CHE PORTÒ I MIGRANTI IN PISCINA