Annaelsa Tartaglione
|

Annaelsa Tartaglione, nuova coordinatrice di Forza Italia Molise: «Io, scommessa di Berlusconi» | FOTO

Forza Italia ha un volto nuovo. Annaelsa Tartaglione, 28 anni, è la nuova coordinatrice del partito di Silvio Berlusconi in Molise. In un’intervista rilasciata al quotidiano Il Tempo la giovane e bella attivista azzurra si presenta raccontando della sua lunga militanza e come simbolo del rinnovamento della classe dirigente che il vecchio leader sarebbe intenzionato ad attuare in vista dell’importante appuntamento elettorale del 2018. «La vera novità – dice – è la rivoluzione elettorale di Berlusconi. Per quanto mi riguarda, non mi ritengo di sicuro una novità, vista la lunga militanza dall’età di 18 anni. Sono sempre stata ben radicata sul territorio della mia Regione, intendo lavorare con sacrificio e umiltà al servizio del movimento a cui da sempre ho aderito, con l’obiettivo di far parte della grande scommessa del Presidente per rinnovare Forza Italia».

 

 

LEGGI ANCHE > L’Economist: «Berlusconi visto in Europa come un buffone o un truffatore»

 

ANNAELSA TARTAGLIONE NUOVA COORDINATRICE DI FORZA ITALIA MOLISE

La Tartaglione non sembra preoccupata del difficile compito di rinnovare in una regione dove ci sono big della politica come Iorio e Patriciello. «La sfida è di quelle appassionanti, ma partendo dalla necessità di dialogare su basi comuni, su valori sui quali da sempre si fonda la nostra azione politica, sarà possibile riavvicinare anche quelli che oggi sembrano poli opposti. Le radici di centrodestra sono comuni tanto a due figure storiche come Iorio e Patriciello, che non hanno rinnegato mai la loro appartenenza al centrodestra, quanto ai tanti giovani che, come me, confidano nella rinascita di una coalizione solida che abbia vocazione di governo, alternativa a una sinistra fallimentare sotto ogni punto di vista». E Berlusconi? «Ci ha chiesto di profondere entusiasmo, tra gli iscritti, i militanti, i cittadini che credono nei valori alla base di Forza Italia. Un movimento che deve essere sempre più incisivo, in particolare a quella maggioranza di italiani delusi che dalla politica si aspettavano concretezza, trasparenza, soluzione dei problemi».

(Foto via Facebook)