donna trascinata
|

La donna trascinata dalla metro a Roma per 135 metri, 11 video inguaiano il macchinista

Non sono poche immagini ma ben undici video ad inguaiare Gianluca Tonelli, il macchinista indagato per lesioni gravi che si trovava alla guida del convoglio della metro di Roma che ha trascinato una donna per 135 metri, 110 sulla banchina della stazione e altri 25 all’interno di un tunnel. I filmati esaminati dagli inquirenti riprendono da ogni angolazioni l’incidente di cui è rimasta vittima Natalja Garkovic, 43enne bielorussa, ora ricoverata in ospedale e fortunatamente non in pericolo di vita. Ne parlano Valentina Errante e Adelaide Pierucci sul quotidiano Il Messaggero.

 

LEGGI ANCHE > IL MACCHINISTA INDAGATO A ROMA: «NON DOVEVO MANGIARE, MA PRIMA DI PARTIRE HO GUARDATO NELLO SPECCHIETTO»

 

DONNA TRASCINATA DALLA METRO A ROMA, 11 VIDEO INGUAIANO IL MACCHINISTA

Dai video consegnati in Procura emergerebbero nuovi elementi che confermerebbero la condotta distratta del macchinista, che viene ripreso mentre mangia in cabina poco prima di chiudere le porte nelle quali rimane intrappolata Natalja e di accelerare per allontanarsi dalla stazione Termini:

L’autista viene prima immortalato mentre mangia in attesa che i passeggeri salgano, quindi guarda nello specchietto retrovisore e parte senza dunque accorgersi che nel frattempo Natalja è scesa dall’ultimo vagone ed è rimasta agganciata alle due porte. Le immagini successive, catturate delle ultime telecamere della stazione Termini, e quelle della fermata Cavour, immortalerebbero ancora il macchinista in un atteggiamento marcatamente distratto. E sono sempre i fotogrammi a spiegare perché, da quell’ultimo vagone del treno in partenza, Natalja sia scesa d’improvviso: una telefonata sul cellulare le avrebbe fatto cambiare programma all’ultimo momento, quando il segnale acustico aveva già annunciato la chiusura delle porte.

Per Tonelli è arrivata una sospensione da parte dell’Atac, ma è probabile che il provvedimento disciplinare resti sospeso in attesa dell’esito dell’inchiesta giudiziaria. Il ministero dei Trasporti, intanto ha disposto verifiche attraverso l’organo Ustif (Ufficio speciale trasporti a impianti fissi). Il convoglio è stato sequestrato.

(Immagini: frame delle telecamere di sorveglianza della metro a Roma. Fonte: archivio ANSA)