#Messinabrucia
|

#Messinabrucia, roghi nella città siciliana. L’appello di Fiorello: «Urge intervento nazionale» | VIDEO

Da due giorni Messina è avvolta dalle fiamme. Ma in pochi sembrano essersene accorti. E così arriva la denuncia del noto showman Rosario Fiorello che, attraverso i suoi social network, lancia l’hashtag #Messinabrucia e attira l’attenzione su un fenomeno drammatico. L’appello è di quelli forti: «Arrivano notizie terrificanti da Messina – scrive Fiorello su Twitter – Urge intervento nazionale! Fate girare…».

Fiorello, qualche ora dopo il primo appello, ha anche girato un video, chiedendo l’appoggio di tutti i telegiornali nazionali al fine di poter diffondere il più possibile la notizia:

#MESSINABRUCIA, LA SITUAZIONE TRAGICA

I messinesi e tutti i siciliani sono grati al loro illustre conterraneo. In molti denunciano il silenzio della stampa nazionale su quello che sta accadendo, ormai da diverse ore, nella città dello Stretto. In breve tempo, anche altre personalità del mondo dello spettacolo e dello sport, come Nino Frassica e Vincenzo Nibali, hanno condiviso l’appello di Fiorello.

I roghi che circondano Messina sono circa 14 e si stanno diffondendo rapidamente sulle colline intorno al centro abitato. Oggi, le fiamme si sono spinte persino a lambire il polo universitario e hanno causato l’evacuazione di diverse abitazioni in contrada Catanese.

Non solo. La cronica emergenza idrica, che ha da sempre reso difficili le estati di Messina, e alcuni problemi alla rete elettrica stanno rendendo la situazione ancora più grave. E ancora, le fiamme avvolgono anche alcuni tratti di strada rendendo drammatica la gestione della viabilità: un incendio ad Alì, ad esempio, ha imposto la chiusura, per diverse ore, dell’autostrada Messina-Catania. In più, a causa del fumo denso, alcune auto incolonnate sono rimaste coinvolte in un grave incidente stradale con il bilancio di due feriti, tra cui una donna incinta. L’autostrada è stata riaperta alle 18.30 circa di questo pomeriggio.

#MESSINABRUCIA, L’APPELLO DI FIORELLO

Le istituzioni stanno facendo il possibile per arginare l’emergenza: presso la prefettura è stata avviata l’unità di crisi. Vigili del fuoco, carabinieri, forestale, vigili urbani, un elicottero della Capitaneria di porto e un canadair stanno cercando di limitare i danni. Ma la sensazione è che le forze dei soli messinesi non bastino. Per questo si rende necessario l’appello di personalità note del mondo dello spettacolo – come Fiorello appunto – per cercare di sensibilizzare una nazione intera rispetto al dramma che in queste ore sta vivendo il popolo di Messina.