cannabis
|

Consumo di cannabis, l’Italia supera perfino l’Olanda

In Italia fumare cannabis piace molto. Molto di più rispetto a quasi tutti gli altri Paesi europei. Lo rivelano i dati forniti dall’ultimo rapporto dell’Osservatorio Ue sulle droghe (Emcdda). Dal documento emerge che nel Vecchio Continente 93 milioni di persone su complessivi 500 hanno provato almeno una volta una sostanza illecita e che il mercato delle droghe vale circa 24 miliardi di euro l’anno.

 

LEGGI ANCHE > Pedofili online, l’allarme: attenti a pubblicare le foto dei vostri figli su Facebook

 

CANNABIS, PRINCIPALI DATI SUL CONSUMO IN ITALIA E IN EUROPA

Nel dettaglio, secondo i dati del rapporto in Italia lo spinello copre il 19% del consumo totale di droghe (un tasso più alto si registra solo in Francia, il 22%) e che circa il 32% degli italiani tra i 15 e i 64 anni almeno una volta nella vita ha provato la cannabis (una media più elevata di quella registrata in Olanda). Scrive Alberto D’Argenio su Repubblica:

In totale si calcola che oltre 93 milioni di europei – i cittadini dell’Unione sono 500 milioni – hanno provato una droga illecita almeno una volta nella loro vita. Tra questi, 87.7 milioni hanno fatto uso di cannabis, sostanza che viene consumata quotidianamente dall’1% degli adulti europei. E quando si parla di canne, l’Italia è seconda solo alla Francia dove lo spinello copre il 22% del consumo totale di droghe (da noi siamo al 19%). In Italia poi almeno il 31,9% degli adulti di età compresa tra i 15 e i 64 anni ha provato almeno una volta la cannabis, quarti nella speciale classifica europea dopo Francia, Danimarca e Spagna mentre in Olanda dove le droghe leggere sono legali e facilmente reperibili il dato è più basso, sotto la media europea, con il 25,6%. Inoltre con il 5,2% l’Italia è quarta per uso di oppioidi ad alto rischio, mentre è ottava (1,8%) per il consumo di cocaina.

Altro dato significativo è quello relativo alle morti per overdose, aumentate in media del 6% tra 2014 e 2015, quando sono stati registrati 8.441 decessi, legati soprattutto a oppioidi come l’eroina. In questo caso si registra un trend in salita in Germania, Lituania, Olanda, Svezia, Gb e Turchia. In calo invece in Italia: 7,8 morti per overdose per milione di abitanti contro una media europea di 20,8.

(Foto da archivio Ansa. Credit: Luis Vargas via ZUMA Wire)