Buffon grande Torino
|

Buffon ricorda il Grande Torino: «Juventini, basta cori sulla tragedia di Superga»

Gianluigi Buffon ha lanciato un appello ai tifosi della Juventus per fermare i cori denigratori che si sentono nello stadio bianconero e che insudiciano, come scrive il portiere, i ricordi e gli affetti per il Grande Torino. Oggi ricorre il 68esimo anniversario di una delle più grandi tragedie dello sport italiano, la caduta dell’aereo sulla collina di Superga della squadra granata che capace di vincere cinque scudetti consecutivi, record ancora imbattuto. Il capitano bianconero ha dedicato un lungo post sul suo profilo Facebook per ricordare la tragedia del Grande Torino, concludendolo con un appello diretto ai tifosi della Juventus. Buffon ha chiesto di non ripetere più i cori, orribili, dedicati a questo dramma, perché sono inconcepibili come quelli che denigrano i 39 supporter bianconeri morti all’Heysel. Il post è stato scritto, a merito di Gianluigi Buffon, dopo l’importante vittoria della Juve contro il Monaco. Invece che celebrare, anche giustamente, un successo che può portare a nuova finale di Champion’s League, grazie anche alle sue parate, il portiere leggenda del calcio italiano ha preferito commemorare il Grande Torino.

In una bella giornata post vittoria, il mio pensiero va ai cugini del toro, ai loro tifosi e a quei gloriosi giocatori che hanno reso orgogliosa la nazione intera e il popolo granata.Onore a voi campioni del Grande Torino, in eterno, e siano perdonati coloro che si macchiano di atti inqualificabili, come deridervi o mancarvi di rispetto ancor oggi che sono passati quasi 70 anni.I morti sono morti e non rompono i coglioni a nessuno. Vanno lasciati in pace e vanno rispettati, fossero anche i nemici ed i rivali più acerrimi che uno possa avere. Perché i morti hanno mogli, figli e nipoti e dar loro una seconda atroce sofferenza, oltre quella che hanno già patito, è disumano. W la rivalità…. W lo sfottò….. W il campanilismo….. W la sportività…. W la vita nella pienezza dei suoi sentimenti, alcuni nobili, altri magari un po’ meno. Ma quando si scrivono frasi indecorose o inopportuni striscioni, probabilmente senza piena consapevolezza, si è più morti dei morti. Mi provoca ribrezzo e rabbia sentire torturare ancor oggi i nostri 39 angeli dell’Heysel: non macchiamoci delle stesse colpe. Siamo uomini. Dobbiamo distinguerci se vogliamo seminare qualcosa di duraturo e costruttivo per l’umanità che arranca. Non accontentiamoci d’essere mediocri e vili solo per rifarci di uno sgarbo subito. In certe situazioni è meglio essere vittime che carnefici perché i carnefici saranno condannati dalla vita a strisciare nell’inferno della loro vacua esistenza. Le vittime patiranno il male subito, ma poi capiranno che essere diversi dai propri aguzzini darà forza e sicurezza per affondare la vita su valori autentici e per farsi portatori di bellezza, coscienza, rispetto, lealtà, senza precludere nulla alla competizione o rivalità. Tifosi della Juve, mi rivolgo a voi perché so di potermelo permettere dopo tutto quello che abbiamo condiviso insieme. Tifosi della Juve, fatemi essere veramente orgoglioso di voi perché se pensiamo e crediamo davvero che lo stile Juve rappresenti e indichi dei valori meritevoli ed assoluti che ci caratterizzano, non è concepibile profanare e violare la sensibilità di chi ha sofferto e soffre ancora: non insudiciamo affetti, sentimenti e ricordi. Un abbraccio a chi crede che, anche e soprattutto nello sport, sia necessario essere uomini di buona volontà. Ora, domani, sempre e per sempre #FinoAllaFine!!!

Foto copertina: ANSA/PAOLO MAGNI