gabriele del grande
|

La trattativa via Whatsapp di Alfano per liberare Gabriele Del Grande

A quanto pare la più nota e diffusa app di messaggistica per smartphone e tablet ha avuto un ruolo importante nelle trattative per la liberazione di Gabriele Del Grande, il blogger e documentarista fermato il 9 aprile e poi detenuto fino a due giorni fa in Turchia. Il ministro degli Esteri Angelino Alfano ha infatti utilizzato Whatsapp per mettersi in contatto con il governo di Ankara e in particolare con il suo collega Mevlut Cavusoglu. Scrive oggi Francesca Paci sul quotidiano La Stampa:

C’è la diplomazia di WhatsApp dietro alla liberazione di Gabriele Del Grande, una delicata tela intessuta per diversi giorni dal ministro degli esteri Angelino Alfano e dal suo omologo turco Mevlut Cavusoglu attraverso la celebre applicazione di messaggistica. A rivelarlo sono fonti vicine alla Farnesina che parlano di una trattativa piuttosto difficile, politica, una partita in cui il nostro Paese ha dovuto giocare di rimonta per recuperare il terreno perso a più riprese dopo
l’arresto del reporter e documentarista toscano.

 

LEGGI ANCHE > Ong e migranti, Saviano replica: «Di Maio e M5S parlano per sentito dire, il rapporto Frontex dice altro»

 

LIBERAZIONE GABRIELE DEL GRANDE, TRATTATIVA VIA WHATSAPP

L’app sarebbe stata utilizzata negli ultimi giorni di detenzione di Gabriele Del Grande. Fino a quel momento sembrava insufficiente il lavoro a testa bassa dell’ambasciatore italiano in Turchia Luigi Mattiolo. Scrive ancora Paci sulla Stampa:

Alla fine della scorsa settimana Alfano, grazie a un canale personale con il collega turco, avvia le trattative via WhatsApp, uno scambio serrato di richieste, aggiornamenti e continui rimandi ai responsabili del ministero dell’interno che, dopo tre giorni, culmina nel messaggio di domenica sera: «È sull’aereo, domani atterra in Italia».

(Foto: ANSA / GIORGIO BENEVENUTI)