gabriele del grande
|

Gabriele Del Grande ha avuto il permesso di telefonare a sua moglie

«So che mio figlio ha avuto il permesso di telefonare a sua moglie e che lo farà in giornata ma per adesso non ci sono novità riguardo ad un suo eventuale rimpatrio». A dichiararlo è Massimo Del Grande, padre di Gabriele Del Grande, il giornalista e documentarista fermato il 10 aprile dalla polizia turca. «Parlerò domani con la Farnesina – ha detto – per sapere che novità ci sono. Intanto, sulla disponibilità dell’ambasciatore turco a incontrare la famiglia, il padre di Gabriele Del Grande ha riferito che deciderà cosa fare domani, insieme a tutta la famiglia.

 

LEGGI ANCHE > Abbiamo scherzato. Con Gabriele Del Grande siamo punto e a capo

 

«Siamo tanti in famiglia e prima di prendere qualsiasi decisione sul da farsi ci consulteremo come abbiamo fatto sempre finora», ha detto Massimo Del Grande. Che ha poi aggiunto che «stasera da noi ci sarà un buffet di solidarietà, organizzato da un nostro vicino, all’interno dell’osteria che gestisco insieme a mia moglie a Panicagliora, sulla Montagna Pistoiese, al quale hanno già aderito un centinaio di persone che ci sostengono in questa battaglia che abbiamo iniziato per far tornare a casa al più presto Gabriele».

GABRIELE DEL GRANDE RISCHIA UNA LUNGA DETENZIONE

Il reporter e documentarista è attualmente detenuto in un centro migranti (Cie) e per il suo fermo non è nemmeno necessaria l’incriminazione. Gabriele Del Grande non ha ricevuto nessuna formalizzazione del suo stato e sulla base di questa contraddizione, l’avvocato turco ha più volte fatto richiesta degli atti giudiziari (che non gli sono stati consegnati).

Il giornalista rischia di rimanere in Turchia per un lungo periodo, anche per altri 12 mesi, perché alla sua situazione potrebbe essere applicata la legge che riguarda i centri di identificazione e di espulsione dei migranti. Il fermo della polizia turca è iniziato il 9 aprile e si sarebbe concluso il giorno seguente, quando il reporter entra nel primo Centro (situato nella provincia di Hathay). La detenzione amministrativa può durare – ed è lo scenario sul quale ragionano alla Farnesina – fino a 6 mesi che possono poi diventare anche 12.

Gabriele Del Grande ha interrotto lo sciopero della fame due giorni fa dopo un incontro con il console italiano e con un avvocato turco.

(Foto: ANSA / MASSIMO PERCOSSI)