Micheal Phelps
|

Nuoto, Micheal Phelps eterno indeciso: vuole tornare ancora?

Lo aveva fatto una prima volta nel 2013, quando era tornato in vasca dopo l’addio all’Olimpiade di Londra 2012. Ora Micheal Phelps sembra avere la tentazione di rifarlo. Il nuotatore americano che in carriera ha vinto 28 medaglie olimpiche, di cui 23 d’oro, aveva lasciato lo sport agonistico – a suo dire, in maniera definitiva – dopo Rio de Janeiro 2016. Eppure, nel corso di un’intervista telefonica all’Associated Press, lo Squalo di Baltimora ha lasciato uno spiraglio sul suo futuro.

LA DICHIARAZIONE A SORPESA DI MICHEAL PHELPS

«Forse un futuro senza nuoto può essere davvero duro – ha dichiarato Phleps -. Dipenderà molto dai prossimi mondiali di Budapest 2017 e se avrò l’intenzione di andarli a vedere dal vivo. Stando lì, potrebbe tornarmi la voglia». Sarebbe un caso clamoroso e piuttosto raro nel panorama dello sport mondiale. Il 32enne è l’atleta più titolato della storia delle olimpiadi moderne ed è detentore, attualmente, di tre record del mondo.

In questo momento, però, si sta dedicando alla famiglia: «Mio figlio Boomer ha quasi un anno e sta iniziando a camminare. Amo vedere i suoi progressi, perché ogni giorno fa qualcosa di diverso. Per questo, ora come ora, non sto pensando al ritorno al nuoto agonistico. Mi sembra, poi, di aver chiuso in bellezza con i successi a Rio».

La domanda è: ma quando Boomer avrà imparato a camminare, a parlare e a fare tutto il resto, siamo sicuri che Phelps non si annoierà a essere solo padrone di casa e padre di famiglia? Del resto, dopo Londra 2012, aveva dichiarato di volersi concentrare solo sulla sua vita privata, ma il ruolo da commentatore televisivo durante il Mondiale di Barcellona 2013 lo mise a dura prova.

LEGGI ANCHE: «Micheal Phelps, più in alto di lui solo gli dei»

«Vedevo che gli altri ragazzi andavano lenti – ha ricordato Phelps – e mi sono detto che se fossi stato in vasca, avrei vinto tutto». La prima volta, fu questa la molla che fece scattare il meccanismo del progetto-rientro. Ora sta a Barcellona (e alla forza degli avversari) decidere del futuro dell’uomo più vincente nella storia del nuoto.

(FOTO: Bao Dandan/Xinhua via ZUMA Wire)