grillo cattolici
|

Caos Genova, ora il M5S valuta se cambiare regolamento (per dare più poteri a Grillo)

Dopo il pasticcio delle Comunarie a Genova, vinte da Marika Cassimatis e poi annullate, e dopo la decisione del tribunale di annullare le delibere che escludevano la professoressa di geografia e affidavano il simbolo a Luca Pirondini, il secondo più votato, il Movimento 5 Stelle valuta l’ipotesi di cambiare il regolamento dando più poteri a Beppe Grillo. È quanto racconta oggi un articolo di retroscena di Repubblica a firma di Annalisa Cuzzocrea.

 

LEGGI ANCHE > Inchiesta Consip, come sono state manipolate le carte (dal Noe) per colpire Matteo Renzi

 

CAOS GENOVA, IPOTESI NUOVO REGOLAMENTO M5S CON PIÚ POTERI A GRILLO

La soluzione al vaglio dei vertici M5S per evitare di trovarsi di nuovo in futuro nella stessa di oggi, è quella di introdurre un comitato elettorale che si occupi a tempo pieno della selezione dei candidati. Si tratta di un gruppo ampio che segua da vicino i gruppi locali e le candidature capace di agire prima e non dopo il voto. Scrive Cuzzocrea:

Ma il regolamento dovrebbe cambiare soprattutto nelle prerogative affidate al capo politico, che dovrà avere l’ultima parola in modo più netto. Assumendo quel ruolo di garante super partes previsto dal codice etico sottoscritto dagli eletti al momento dell’accettazione della candidatura. Beppe Grillo è consapevole che degli errori sono stati fatti. Nel mirino dei vertici – ieri – sono entrati anche gli avvocati che si sono occupati della vicenda. Perché il quesito sottoposto al voto sul blog era tutto sbagliato, in palese conflitto con quanto previsto da quel regolamento che i 5 stelle hanno scritto sull’onda dei ricorsi di Roma e Napoli. E che ora sono pronti a cambiare.

Con la possibilità – ancora solo allo studio – di estendere il ruolo di garante anche a Davide Casaleggio. L’imprenditore la settimana scorsa, al Senato, ha visto a lungo uno degli avvocati che si è occupato del caso Genova, Andrea Ciannavei. Che alla domanda, «come mai ha parlato con lui e non con Grillo?», rispondeva: «Perché è uno dei garanti». Estendendo automaticamente al figlio di Gianroberto Casaleggio quello che fu il ruolo del padre.

(Foto: ANSA / ALESSANDRO DI MARCO)