sondaggi
|

Il Movimento 5 Stelle batte il Pd in 7 sondaggi su 8

Non più una suggestione. Il vantaggio del Movimento 5 Stelle sul Pd è certificato da quasi tutti i più noti istituti demoscopici che regolarmente monitorano le intenzioni di voto degli italiani ad eventuali elezioni politiche. Gli ultimi dati confortanti per il partito di Beppe Grillo (che molto probabilmente si presenterà alle urne con Luigi Di Maio candidato premier) giungono da Ipsos, che, con la rilevazione pubblicata oggi sul Corriere della Sera, stima i pentastellati avanti di 5,3 punti sui principali avversari. Ma negli ultimi dieci giorni anche Index Research, Emg Acqua, Tecné, Euromedia Research, Ixè e Scenari Politici/Winpoll hanno segnalato il M5S avanti. A fare eccezione è l’istituto triestino Swg, che attribuisce al Partito Democratico circa un punto di margine.

 

LEGGI ANCHE > E il numero di Matteo Renzi dalla chat di Whatsapp finì online

 

SONDAGGI POLITICI, MOVIMENTO 5 STELLE IN VANTAGGIO SUL PD

Nel dettaglio, Ipsos nel sondaggio realizzato tra il 13 e il 16 marzo attribuisce al Movimento 5 Stelle il 32,3% dei consensi contro il 26,8% del Pd. Un distacco ampio, come quello segnalato dall’istituto Tecné nella rilevazione del 12 marzo diffusa il giorno seguente nel corso della trasmissione Porta a Porta: 29% al M5S e 23% al Partito Democratico. Ben 6 punti di margine. Sempre nel corso del programma di Bruno Vespa è stato reso noto anche un sondaggio di Euromedia Research del 12 marzo con i pentastellati al 26,4% e i Dem al 25,5% (+0,9). Un vantaggio largo è quello indicato poi da Index Research, che effettua sondaggi per Piazzapulita e che, con la rilevazione in onda il 16 marzo, ha stimato i 5 Stelle al 30,2% e il Pd al 25,4% (+4,8). Mano ampio ma comunque significativo è il distacco di 2,9 punti segnalato da Emg Acqua nel suo ultimo sondaggio (10-12 marzo) per il Tg La7: Movimento 5 Stelle al 30% e Partito Democratico al 27,1.

Ixè, intanto, con il sondaggio del 15-17 marzo presentato nel corso del programma tv Agorà ha indicato il partito di Grillo al 27,5% e quello di Renzi al 26,5% (+1%). Divario simile a quello di Scenari Politici/Winpoll che nell’ultima rilevazione per l’Huffington Post (interviste del 15-17 marzo) ha dato M5S al 26,5% e Dem al 25,3% (+1,2). Infine, Swg: dal sondaggio realizzato tra il 13 e il 15 marzo è emerso un Movimento al 26,9%, arretrato di 1,2 punti rispetto al Pd, ancora vanti con il 28,1%.

SONDAGGI POLITICI, TESTA A TESTA TRA FORZA ITALIA E LEGA NORD

È testa a testa intanto tra le due formazioni di centrodestra che si contendono la leadership della coalizione. A Forza Italia e Lega Nord, negli otto sondaggi citati, viene attribuito lo stesso livello di voti. Il partito di Berlusconi oscilla tra il 12,2 e il 14% dei consensi. Quello di Matteo Salvini si muove invece tra il 12 e il 13,7%. I forzisti e il Carroccio superano i potenziali alleati in 4 casi su 8.

(Foto: ANSA / ANGELO CARCONI)