paolo berizzi
|

La svastica sull’auto del giornalista Paolo Berizzi

Il giornalista di Repubblica Paolo Berizzi, esperto di movimenti neofascisti, ha ricevuto serie minacce on line e un grave atto intimidatorio. Qualche giorno fa la sua auto è stata presa di mira da un gruppo di persone che hanno inciso una svastica e alcuni simboli nazisti sulla carrozzeria.

LEGGI ANCHE: Locri, sul vescovado spuntano due vergognose scritte: «Meno sbirri» e «don Ciotti sbirro»

SVASTICA SULL’AUTO DI PAOLO BERIZZI: FNSI E CDR SOLIDALI CON IL GIORNALISTA

Il segretario generale e il presidente della Federazione nazionale della stampa italiana, Raffaele Lorusso e Giuseppe Giulietti, dhiedono provvedimenti immediati dopo che il ministero dell’Interno ha disposto misure di protezione nei confronti del cronista. «Dopo aver più volte minacciato il collega per le sue inchieste sull’attività dei gruppi neonazisti in alcune zone della Lombardia – riferiscono i vertici della Fnsi – i componenti di una formazione che si ispira ad Adolf Hitler hanno preso di mira l’auto di Berizzi, incidendo sulla carrozzeria una svastica e altri simboli del nazismo. Ce n’è abbastanza perché il ministero dell’Interno adotti i provvedimenti previsti dalla legge, disponendo lo scioglimento del suddetto gruppo neonazista. Al collega Berizzi, la solidarietà della Fnsi, nella convinzione che quanto accaduto non gli impedirà di proseguire nella attività di inchiesta e di denuncia condotta fino ad oggi». Solidarietà è stata espressa anche dal Cdr di Repubblica. Recentemente Berizzi si era occupato dei Do.ra. – acronimo della Comunità militante dei dodici raggi. Pezzo non molto apprezzato dai diretti interessati.

(in copertina screenshot Vimeo/Intervista Faber giornale)