firme false m5s palermo
|

Firme false M5S per le Comunali 2012 a Palermo? Ora indaga la Procura

Dopo i sospetti sulle firme false che il Movimento 5 Stelle avrebbe depositato per la presentazione della propria lista alle elezioni comunali del 2012 a Palermo (sospetti sollevati grazie a due servizi della trasmissione di Italiauno ‘Le Iene’) la Procura ha deciso di riaprire il caso.

 

LEGGI ANCHE: Le Iene, il M5S e il sospetto di firme false alle Comunali 2012 a Palermo

 

FIRME FALSE M5S PER LE COMUNALI A PALERMO? I PM RIAPRONO IL CASO

Già negli anni scorsi, i pm avevano delegato la Digos a indagare sulla vicenda, sollevata da alcuni attivisti, ma l’inchiesta fu archiviata. Il caso è poi riesploso grazie a ‘Le Iene’, venute in possesso (grazie ad una fonte anonima) di un elenco con le firme originali di alcuni attivisti che hanno disconosciuto gli autografi sul documento originale. Il documento originale, quello depositato per la presentazione della lista M5S alle Comunali, è stato acquisito dall’ufficio anagrafe nelle settimane scorse dal segretario provinciale del Pd Carmelo Miceli.

 

LEGGI ANCHE: Firme false M5S a Palermo? Le Iene trovano la conferma degli esperti grafologi

 

Come raccontato da alcuni militanti, nel 2012 un gruppo di attivisti, per un errore nella compilazione dell’anagrafe di un firmatario (l’indicazione errata della località di nascita di uno dei candidati alla carica di consigliere comunale), avrebbe ricopiato circa 2mila firme originali per evitare un annullamento delle candidature da parte dell’ufficio elettorale. Sotto accusa sono finiti anche alcuni parlamentari, come i deputati Riccardo Nuti e Claudia Mannino, i quali, insieme al deputato regionale Gianpiero Trizzino, hanno annunciato querela nei confronti del professore di educazione fisica Vincenzo Pintagro, attivista del movimento e principale accusatore (intervistato da ‘Le Iene’).

 

 

Nel capoluogo siciliano intanto sono finite in standby le ‘comunarie’ M5S per la scelta dei candidati per le Amministrative della prossima primavera. Fonti del movimento spiegano che la procedura per la verifica delle 120 proposte di candidatura è sospesa perche’ il movimento e’ impegnato sul nuovo regolamento.

(Immagine di copertina da video de: Le Iene / Mediaset)