ex suore
|

La storia di Isabel e Federica: ieri ex suore e oggi spose a Pinerolo

Lei si chiama Isabel, l’altra Federica. Una ha 44 anni, una laurea in Filosofia e tanta esperienza nelle missioni del mondo. Ha conosciuto la sua dolce metà durante un viaggio pastorale. Domani Isabel e Federica si sposeranno a Pinerolo. E sono due ex suore francescane.

LEGGI ANCHE: Roma, ragazza picchiata dai genitori della fidanzata: «Lei mi ha lasciata, teme la famiglia»

La loro storia la raccontano Antonio Gaimo e Niccolò Zancan su La Stampa:

«Dio vuole le persone felici, che vivano l’amore alla luce del sole», dice Isabel. «Chiediamo alla nostra chiesa di accogliere tutte le persone che si amano», dice Federica. Sono molto timide, molto forti. E chiedono di non dire altro.

L’unione civile verrà celebrata dal sindaco del Movimento 5 Stelle Luca Salvai in municipio, la seconda da quando è entrata in vigore la legge. Ma alla fine ci sarà anche una funzione religiosa, e forse davvero non poteva essere diversamente. Verrà officiata dalla persona che meglio di tutte conosce la storia di Isabel e Federica. Come è nato il loro amore? «Come tutte le storie d’amore del mondo» risponde don Barbero. «Lentamente. Conoscendosi. Capendo, infine, di provare un sentimento profondo. Sarà bello averle qui nella nostra comunità di ascolto e preghiera».

Non è corretto chiamarlo don. Perché Franco Barbero dopo numerosi processi ecclesiastici, nel 2003 ha ricevuto da Papa Giovanni Paolo II la sospensione a divinis, che di fatto lo ha messo fuori dalla Chiesa cattolica. All’origine della scomunica papale ci sono proprio le sue posizioni sui matrimoni omosessuali. «Ma io continuo a sentirmi un prete fino alla punta dei capelli – dice – amo la mia chiesa, faccio il prete tutto il giorno a tempo pieno. Scrivo dei libri, curo un blog, sono in contatto con tantissimi sacerdoti che la pensano come me. Ed è proprio attraverso la rete che ho conosciuto anche Isabel e Federica».

Le due donne, coetanee, hanno dovuto togliere i voti e lasciare il velo.

(in copertina foto ALBERTO PIZZOLI/AFP/Getty Images)