La classifica degli ospedali migliori e peggiori

ospedali

I centri di salute virtuosi secondo l'indagine del ministero

Eccola qui, la classifica degli ospedali migliori e peggiori. Ovvero, quella dei centri di salute virtuosi secondo l’indagine del ministero della Salute:

(click per ingrandire l’immagine)

Leggi anche:
Vuoi sapere chi è che specula sulla tua salute?
Meno dormi, più ingrassi?

Nel grafico riportato su dati del programma di valutazione del Corriere della Sera si spiega come funziona oggi la sanità italiana, quali sono i centri di eccellenza e quali invece i posti dove è meglio non farsi curare:

Spulciare il «Rapporto sulla valutazione degli esiti», reso accessibile a certe categorie di professionisti dal ministero della Salute che lo ha finanziato, significa anche poter contare le mille pecche di una sanità fatta di eccellenze e disastri. L’epidemiologo Carlo Perucci che ha curato l’opera presso l’Agenzia per i servizi sanitari Agenas diretta da Fulvio Moirano raccomanda di non parlare «di classifiche, graduatorie e giudizi. E’ uno strumento di valutazione a supporto di programmi clinici e organizzativi per il miglioramento, l’efficacia e l’equità del servizio sanitario ».

L’ultima versione pubblicata su internet riguarda il 2010. Analizzate le schede di dimissione dei malati di 1.475 aziende:

Le prestazioni sanitarie prese come indicatori sono 46. Artroscopia del ginocchio, chirurgia oncologica del polmone, tagli cesarei, sostituzione di valvole e bypass. Si scopre ad esempio che per quanto riguarda l’angioplastica entro 48 ore dall’infarto la situazione è drammaticamente variabile. A Ravenna, Firenze- Careggi, Avellino-Moscati (tre citazioni tra tante realtà virtuose) un paziente ha buone probabilità di essere operato nei tempi. Ad Aversa, Macerata o Catania serve fortuna perché solo dai 2 ai 5 su 100 non subiscono ritardi. Se proprio ci si deve fratturare il femore èmeglio scivolare a Varese, dove quasi sempre entro due giorni entri in camera operatoria, che a Frosinone dove l’attesa nel 95% dei casi è più lunga. Ricoveri impropri per durata? All’Humanitas per una colicistectomia laparoscopica il ricovero inferiore a 4 giorni è la normalità, in molti centri del Sud un’eccezione. Moirano è sicuro che il sistema degli esiti online porterà un miglioramento: «I direttori generali che producono dati negativi dovranno per forza tentare il recupero. E anche per i medici sarà uno stimolo». In Usa e in Gran Bretagna la pubblicazione delle performance è una realtà consolidata. In Italia il prossimo passo sarà quello di valutare anche l’attività dei chirurghi.