Stanislao Acciarri
|

Stanislao Acciarri: consulente della regione Marche grazie alla segnalazione di mia sorella Monica

Stanislao Acciarri e sua sorella Monica Acciarri sono intervenuti sulla stampa per spiegare una delle controversie giudiziarie più peculiari del post terremoto in Italia centrale. La magistratura sta indagando infatti sulla consulenza sul rischio sismico affidata a Stanislao Acciarri, pompiere centralinista, per la valutazione degli ospedali della regione Marche.

STANISLAO ACCIARRI SI DIFENDE DALLE ACCUSE

La Repubblica ha intervistato Stanislao Acciarri, il geometra, ora architetto, come precisa nell’intervista al quotidiano, agente dei vigili del fuoco che ha ottenuto una consulenza da 100 mila euro per valutare il rischio sismico nei nosocomi delle Marche. Acciarri spiega le sue mansioni nei pompieri – lavora come centralinista, coordinando le uscite dei suoi colleghi dopo aver ricevuto le segnalazioni al telefono – e rimarca di esser una persona qualificata. Il vigile del fuoco, ora attivo anche come architetto come secondo lavoro, spiega che la consulenza era sì per 100 mila euro, ma distribuiti in quattro anni. Allo stesso modo l’ambito della sua collaborazione era relativo al suo lavoro.

Sono stato chiamato a fare una mappatura delle strutture che rispettavano le norme antincendio: vie di fuga, estintori. Un normale lavoro da vigile del fuoco coordinatore.

Stanislao Acciarri ammette però di aver ricevuto la consulenza solo grazie alla segnalazione di sua sorella Monica, all’epoca segretaria dell’assessore regionale delle Marche.

È andata così, inutile negarlo. Monica gravitava nella sanità delle Marche, mi ha segnalato la possibilità, ho fatto il colloquio e mi hanno preso. Senza di lei non avrei mai ottenuto quel posto, ma non ho rubato nulla.

LEGGI ANCHE

Terremoto, gli edifici che non dovevano cadere, nelle Marche controllati da un pompiere

LA RISPOSTA DI MONICA ACCIARRI

Sul Corriere della Sera c’è l’intervista di Monica Acciarri, attualmente consigliere comunale del PD di Ascoli Piceno e l’anno scorso candidata, con buon successo anche se poi non è stata eletta, al consiglio regionale delle Marche. Al quotidiano diretto da Luciano Fontana Acciarri rimarca come la storia passata sui giornali sia falsa, perchè suo fratello non ha mai valutato il rischio sismico degli ospedali, come da indagine della magistratura.

Faceva semplicemente un servizio di indagine che poi portava ai dirigenti. Ha risposto a un bando della Regione. Cercavano dei geometri e ha fatto richiesta.

Nell’intervista al Corriere Monica Acciarri rimarca come suo fratello non sia indagato, e come le domande in merito al caso giudiziario andrebbero rivolte al dirigente di Asur Marche che ha avviato il bando.