Mattarella Pokemon
|

Mattarella sdogana i Pokemon | VIDEO

Ormai li evocano tutti. E alla fine anche Sergio Mattarella sdoganò i Pokemon. Quirinale, cerimonia del Ventaglio. Al Colle arriva la stampa parlamentare per il classico appuntamento con il presidente della Repubblica. Ed è il capo dello Stato,  nel mezzo del dibattito sul referendum costituzionale, lo spartiacque della legislatura, a sorprendere i cronisti: «Certi dibattiti su data e spacchettamento sono talmente surreali da sembrare la caccia ai Pokemon».

Mattarella Pokemon

LEGGI: LO SPECIALE SUL REFERENDUM COSTITUZIONALE 2016

MATTARELLA E LA CACCIA AI POKEMON

Tradotto, Mattarella allontana certi retroscena e pressioni, quasi come se fossero opera di Pikachu e Squirtle: «La data del referendum non è stabilita per il semplice fatto che non è ancora possibile farlo». E ancora: «A fronte di una richiesta, laddove vi fosse stata, solo la Cassazione avrebbe potuto decidere, e rigorosamente non in base a considerazioni politiche».

Il presidente ha quindi ricordato come la procedura del referendum sia regolata dalla legge e l’iter per la fissazione della sua data può essere avviato soltanto dopo che la Corte di Cassazione avrà comunicato quali sono le richieste ammesse a referendum.

LEGGI ANCHE: L’appello dei bambini siriani con le foto dei Pokémon Go: «Trovateci e salvateci»