La ragazza che è più vecchia di sua madre

Hayley Okines ha 14 anni. il suo corpo 105 La piccola Hayley Okines è una delle poche ragazze affette da...

Hayley Okines ha 14 anni. il suo corpo 105

La piccola Hayley Okines è una delle poche ragazze affette da progeria, una malattia rara che colpisce in media una persona ogni 8 milioni e che causa l’invecchiamento precoce, trasformando i giovani in anziani prima che abbiano raggiunto l’età dell’adolescenza. Hayley vive a Bexhill, nell’East Sussex, Inghilterra, e ha 14 anni, un traguardo anagrafico che, secondo quanto previsto da alcuni medici nei primi anni di vita, non sarebbe stata in grado di raggiungere. Per festeggiare le sue 14 candeline ha pensato di pubblicare la sua autobiografia.

IL LIBRO - “Old before my time”, “Vecchia prima del tempo”, è il titolo dell’opera, in alcune parti scritto dalla mamma Kerry. La signora Kerry ha raccontato di essersi subito accorta dina dai primi mesi di vita che qualcosa non andava nella sua piccola. Hayley non cresceva, e nello stesso tempo prendeva più facilmente peso rispetto agli altri bambini. “A 20 mesi sembrava molto più saggia  e curiosa degli altri”, ha raccontato la mamma nel libro.

LEGGI ANCHE:

La donna che sembra una bambina di nove mesi
La bambina che voleva essere una Barbie
La ragazzina che sembra già vecchia

COME UNA 105ENNE - Nelle persone affette progeria il corpo invecchia ad una velocità circa 8 volte superiore al normale. Hayley, ad esempio, biologicamente ha un età di 105 anni. I pazienti, di solito, muoiono per infarto o ictus all’età di 13 anni. Sono 89 i bambini in 32 diversi paesi che soffrono della malattia. La famiglia della giovane si augura un passo in avanti della scienza capace di consentirle una vita più lunga e migliore di quella dei ragazzi già vittima della malattia In america due ragazze, Lindsay Ratcliffe e Kaylee Halko, entrambe di otto anni di età, si stanno sottoponento a nuove sperimentazioni presso una clinica privata di Boston. Hayley è fiduciosa: “Mi sento come se avessi un futuro da pianificare. Penso che forse un giorno, quando sarò grande, mi sposerò”.