“Vuoi la macchinetta per il caffé? Portami tua cognata”

Nuovi scottanti particolari emergono dall’inchiesta sul sindaco di Portoscuso che chiedeva sesso in cambio di favori I magistrati che cercano...

Nuovi scottanti particolari emergono dall’inchiesta sul sindaco di Portoscuso che chiedeva sesso in cambio di favori

I magistrati che cercano di fare chiarezza sulla storia dei rapporti sessuali chiesti dal sindaco di Portoscuso (Carbonia-Iglesias) Adriano Puddu in cambio di favori hanno ascoltato una super-testimone. Dall’interrogatorio sono emersi nuovi scottanti particolari. Ad una delle donne coinvolta nell’inchiesta, Sonia Cuccu, arrestata per minacce e favoreggiamento, viene ritagliato il ruolo di procacciatrice di donne. In una conversazione telefonica tra la Cuccu e il primo cittadino, intercettata lo scorso 8 giugno, Puddu chiede alla donna di incontrare la cognata della donna, la giovanissima fidanzata di suo fratello Stefano Cuccu, anch’egli in manette. “Portami la macchinetta del caffè”, dice la Cuccu a Puddu. “Tutto a posto”, risponde lui. E lei: “Hai detto che me la davi”. Il sindaco: “Beh, cos’è?, quando vieni a trovarmi con tua cognata”.

Leggi anche:
Un prete arrestato per violenza su una ragazzina
Il paese che castra i pedofili per legge
Il carabiniere che ci provava con la 14enne

LA PROCACCIATRICE DI DONNE - L’Unione Sarda in un articolo a firma di Francesca Chiappe fa il punto sulle indagini:

«Il suo ruolo fondamentale era quello di cercare le ragazze a lui, il sindaco di Portoscuso, Adriano Puddu, e fissare incontri, se avevano bisogno». La supertestimone ritaglia a Sonia Cuccu un ruolo di procacciatrice di donne, Nicole Minetti in salsa sulcitana. E ora si capisce come mai il pm Daniele Caria stia pensando di contestare alla ragazza (arrestata per minacce e favoreggiamento insieme al fratello Sergio e al fidanzato Cristian Tocco) anche la concussione sessuale. Venerdì scorso, davanti al giudice, la donna è entrata nel dettaglio. Le sue dichiarazioni-choc sono diventate pubbliche ieri col deposito del verbale in vista dell’interrogatorio, domani, di Puddu, in carcere dal 28 gennaio per corruzione, concussione sessuale, violenza sessuale con abuso di potere, favoreggiamento della prostituzione, peculato e voto di scambio.

“GLI PRESENTAVA LE RAGAZZE BISOGNOSE” – La super-teste ha rivelato che la Cuccu esplicitamente raccontava di procacciare ragazze bisognose di lavoro. Continua Chiappe su L’Unione Sarda:

«Sonia all’inizio con me negava di avere rapporti sessuali con Puddu anche se continuava a ribadire che lei era più per presentargli le ragazze che avevano bisogno di ottenere soprattutto un lavoro», ha dichiarato la superteste. «Gli aveva presentato una ragazzina, Denise, e altre amiche, gliele presentava perché loro chiedevano aiuto e lui, in cambio, voleva un approccio sessuale». Sonia lo aveva fatto anche con la supertestimone: «Un pomeriggio doveva andarlo a trovare, mi chiese se le facevo compagnia. Prima di salire mi disse di stare tranquilla che lui poteva aiutarmi per il lavoro. Salimmo, lui mi disse che mi avrebbe aiutato però dovevo essere disponibile con lui, gentile, dovevo avere rapporti con lui. Sonia era presente, poi si allontanò, aveva fame e lui le diede 20 euro per un panino. Lui iniziò l’approccio ma io non ero disponibile. Sonia rientrò, lui mi fece capire chiaramente che per avere gli aiuti del Comune dovevo fare altro. Sonia ha insistito e con lui siamo rivisti, a casa sua, e io.. alla fine… ci fu quello che ci fu». «Sono stata inserita nella lista delle fasce deboli e ogni volta che avevo bisogno … Prima mi ero rivolta al Comune ma niente, non c’era mai nulla.Tramite Adriano, invece, mi hanno preso per le pulizie, ero in ansia perché pensavo che mi avrebbe chiesto qualcosa di nuovo. Infatti un pomeriggio che ero in Comune mi fece chiamare in ufficio e mi disse che lui aveva mantenuto la sua promessa, quindi era giusto che…».

“SESSO E VESTITI SE SEI GENTILE” – La super teste rivela anche che la Cuccu sarebbe stata disponibile, e pagata dal sindaco, per andare a letto con altri uomini indicati dallo stesso Puddu:

La supertestimone ha detto pure che Sonia prendeva denaro da Puddu per andare «a letto con altri uomini». E poi un episodio: «Sonia doveva passare a trovarlo, lui voleva che anch’io fossi gentile con lui, che salissi e tutto. Io non accettavo di andare a letto con lui per degli aiuti. Ma lui voleva che fossi gentile con lui visto che mi faceva ottenere i buoni spesa, 25 e 50 euro, cose così, non di più. Lui insisteva, io dicevo no. Lei comunque salì da lui e Puddu, dopo che lei era stata…, mi aveva fatto la battuta hai visto?, lei è stata più veloce e sveglia di te: avevano avuto un rapporto e le aveva dato soldi, le aveva anche promesso che l’avrebbe portata in un negozio e avrebbe speso mille euro per rifarle l’armadio, mi disse che l’avrebbe fatto anche per me, ci avrebbe portato tutt’e due se, appunto, ero gentile come lei».

“PORTAMI TUA COGNATA” - Infine L’Unione Sarda riporta una conversazione calda tra Sonia Cuccu e Puddu. Il sindaco sembra avere una fissa per Francesca Crobu, la fidanzata di Sergio Cuccu:

Sonia: ciao, a che ora ci vediamo? Adriano: a pranzo? Sonia: eh, non lo so, come vuoi. Adriano: ma se ci dobbiamo vedere a pranzo c’è anche un mio amico, eh. Sonia: eh, vabbè, dipende, aspetta, cosa devi fare? (risata) Adriano: (risata) ma non c’è tua cognata? Sonia: noo, noo. Adriano: e allora facciamo domani, dai. Sonia: dai, fammi sapere tu allora, dai. Adriano: organizza per domani, dai. Sonia: ma con chi organizzo? Con lei? Adriana: ehia, sì. Sonia: ma quando mai, toglitelo dalla testa, quando mai, lei no, ti dico no ,e quando dico no è no, non è persona. Adriano: ma mi avevi detto di sì ieri. Sonia: ma ita, io sì, non lei, io sì, non lei. Adriano: va bene, dai. Il 24 agosto Adriano Puddu torna alla carica, sempre con Sonia Cuccu. Sonia: tu aiutami, ascò, domani sera, quando Cristian è al lavoro, che lo accompagno io, dopo le 5. Adriano: domani sera? Può essere. Sonia: dopo le 5, però, non chiamarmi prima. Adriano: sì, anche le 6, le 7, non c’è problema. Sonia: sì, perché dalle 5 alle 8 lui è al lavoro. Adriano: va bene, dovrei esserci in linea di massima. (…) Adriano: dai, fammi uno squillo. Sonia: portami la macchinetta del caffè. Adriano: tutto a posto. Sonia: hai detto che me la davi. Adriano: beh, cos’è?, quando vieni a trovarmi con tua cognata. Sonia: eh eh, ce l’ha sempre Sergio. Adriano: ah. Sonia: prima ci devo parlare, ce l’ha sempre Sergio in mezzo ai c… Adriano: e parlaci, dai. Sonia: eh. Adriano: dai, va bene.