canone rai
|

Canone Rai in bolletta: via libera del Consiglio di Stato

Via libera dal Consiglio di Stato al provvedimento del ministero dello Sviluppo economico che riforma le modalità di pagamento dell’abbonamento Rai nella bolletta elettrica. I giudici amministrativi hanno firmato questa mattina il provvedimento che accoglie il testo del governo. A renderlo noto è stato, nel corso di una conferenza stampa a Palazzo Spada, Franco Frattini, presidente della Sezione consultiva degli atti normativi del Consiglio. «L’amministrazione ha accolto nella sostanza le nostre proposte, e, oggi c’è chiarezza», ha affermato Frattini. Il Consiglio di Stato aveva infatti invitato nelle scorse settimane il Mise a rivedere il testo e, in attesa, aveva sospeso l’espressione del parere.

Il Consiglio di Stato stronca il decreto sul Canone Rai in bolletta

CANONE RAI: CHIARITI DUBBI DEL CONSIGLIO DI STATO

I dubbi dei giudici amministrativi si erano concentrati sulla definizione di “apparecchio televisivo” e sulla privacy. «Sul concetto di cosa sia un apparecchio televisivo è stata fatta chiarezza -ha spiegato Frattini- come c’è stata conferma da parte dell’amministrazione sul fatto che se ci sono più apparecchi il canone è comunque uno. E’ stata introdotta anche la previsione che tutti i dati relativi ai cittadini devono essere trattati sulla base del codice della privacy». Sulle aziende elettriche concessionarie «la compensazione non solo è forfettaria» ma è «a valere sui fondi destinati all’Agenzia delle entrate». Al testo del parere favorevole del Consiglio di Stato è stato aggiunto un suggerimento, ha spiegato ancora Frattini, «quello di rendere ordinaria e ad ampio spettro la pubblicità di tutti i moduli, che i cittadini dovranno utilizzare, non solo nella fase iniziale, e che le istruzioni siano scritte con linguaggio chiaro e comprensibile».

(foto copertina ANSA/CLAUDIO ONORATI)

TAG: canone Rai