Federica Guidi
|

Inchiesta Petrolio, Guidi: «Non puoi trattarmi come una sguattera del Guatemala»

«Non fai altro che chiedermi favori, con me ti comporti come un sultano… o mi sono rotta… a quarantasei anni… tu siccome stai con me e hai un figlio con me, mi tratti come una sguattera del Guatemala». A parlare non è una moglie stanca, bensì l’ex ministro dello Sviluppo economico, continuamente pressato e sfruttato da quello che è diventato uno dei personaggi chiave dell’inchiesta Petrolio e del caso Tempa Rossa: il lobbista Gianluca Gemelli.

LEGGI ANCHE: Inchiesta Petrolio: il dossier fotografico fantasma contro il ministro Delrio

L’esasperazione della Guida è raccontata nell’informativa della Squadra mobile, oggi su La Stampa:

«Io per te valgo meno di zero… le cose che ho fatto per te non vanno mai bene, non sono sufficienti». All’amarezza per l’essere utilizzata da Gemelli come strumento per ottenere corsie preferenziali sul lavoro c’è anche la gelosia, «per te valgo meno di zero come tutte». Soprattutto nei confronti dell’ex moglie e dei due figli avuti con lei, «stai più con loro che con nostro figlio».
È una lite continua tra l’ex ministra e il fidanzato. Il 22 giugno 2015 lui in un sms le ricorda che «luglio sta per arrivare», riferito ad una persona che la Guidi avrebbe dovuto incontrare (la squadra mobile annota che non si esclude che il riferimento sia da intendersi come rivolto a Cesare Trevisano del gruppo). Ma lei è stanca delle pressioni, stanca di doversi occupare di lui, dalle camicie alle raccomandazioni da fare: «io non sono cretina… perché tutte le volte Gianluca… tutte le volte… le camicie, le cattiverie, tutto… per te è un diritto, ottenere quello che tu pensi sia possibile».

Ci sono momenti in cui l’ex ministra è più lucida e critica nei confronti del fidanzato. «Gianluca… io lavorativamente parlando t’ho mai chiesto…», poi gli rimprovera errori professionali e sprechi di denaro come per il nuovo ufficio «no, quanto ti è costato l’ufficio, dimmi?… Un milione di euro». E sugli investimenti sbagliati: «Ma quando tu ti sei andato a sputtanare centinaia di milioni di euro, in una situazione che neanche un deficiente…». Lei sì che lavora: «Io a quarantasei anni, mi alzo domani mattina alle tre e mezza perché vado a lavorare, perché so com’è fatto il mondo, non vivo su Marte. Tu invece…».

Lui nulla, non si smuove di un passo e chiede: «Presentami l’amministratore delegato della Drilling, presentami l’amministratore delegato di Shell, di Total, di Tamoil, e così, fammi ’sta cortesia, tanto non è una cortesia, cioè non te l’ho mai chiesto, però, visto che con gli altri, fallo anche con me». Un pressing asfissiante a cui, spiegano gli inquirenti, l’ex ministro ha ceduto. Annotano come «la Guidi abbia dovuto alla fine cedere alle insistenti richieste del compagno. Per quanto non si ritiene contestarle condotte penalmente rilevanti, si ricava che il Gemelli abbia inteso approfittare del suo ruolo istituzionale».

(foto copertina ANSA/ GIUSEPPE LAMI)