Stefano Parisi
|

Elezioni Milano 2016 | Silvio Berlusconi in campo per Stefano Parisi

Elezioni Milano 2016 Silvio Berlusconi in campo per Stefano Parisi

Silvio Berlusconi ha organizzato la sua prima iniziativa pubblica per Stefano Parisi in vista delle elezioni 2016. Il leader di Forza Italia ha passeggiato con il candidato sindaco del centrodestra in vista delle elezioni Milano 2016 sul campo di San Siro, rivendicando di aver convinto Stefano Parisi a correre per la successione di Giuliano Pisapia.

ELEZIONI MILANO 2016, IL PRIMO INTERVENTO DI SILVIO BERLUSCONI

Silvio Berlusconi  dopo aver portato il candidato sindaco di fronte ai suoi tifosi, ha rivendicato di voler «dare tutto il supporto» a Stefano Parisi «per avere a Milano un sindaco capace di togliere la città dalla crisi in cui l’hanno messa anni di malgoverno»

ELEZIONI MILANO 2016, SILVIO BERLUSCONI RIVENDICA LA SCELTA DI STEFANO PARISI

Silvio Berlusconi ha poi ribadito di sentirsi ancora il vero leader del centrodestra italiano. Una posizione osteggiata da Matteo Salvini e da Giorgia Meloni, che però su Milano hanno deciso di non rompere la coalizione come fatto nelle altre metropoli italiane che vanno al voto. Capitale in primis, dove la stessa leader di Fratelli d’Italia si candiderà contro Guido Bertolaso, l’ex capo della Protezione Civile spinto dal Cav alle Elezioni Roma 2016:

«Parisi è stato per diversi anni city manager a Milano con Albertini, nella stagione migliore. Le migliori opere sono state fatte da loro. È stato dg di Confindustria, sa cosa hanno bisogno le aziende per aumentare i posti di lavoro. Ci ho messo della fatica per convincerlo, alla fine per amore di Milano si è deciso»

ELEZIONI MILAN0 2016, STEFANO PARISI TIENE UNITO IL CENTRODESTRA

Stefano Parisi è riuscito nell’impresa di tenere unito tutto il centrodestra milanese, coinvolgendo anche l’area popolare di Maurizio Lupi e Roberto Formigoni ora al governo con il PD a livello nazionale. Un’impresa riuscita anche grazie alla sua intenzione di non proporsi come un candidato di Forza Italia, come sostanzialmente rivendicato da Silvio Berlusconi, ma come un promotore di una coalizione capace di andare oltre la destra e la sinistra tradizionali.