Elezioni Napoli 2016
|

Elezioni Napoli 2016, de Magistris “vuò fà” (ancora) il grillino

Luigi De Magistris e il Movimento 5 Stelle. È un matrimonio politico che il sindaco di Napoli negli ultimi mesi in vista delle Elezioni 2016 ha immaginato e tentato di siglare più volte. Sia prima che cominciasse la sfida delle primarie del centrosinistra, sia ora che il Pd si divide sull’esito del voto (con Valeria Valente candidata ufficiale del partito e Antonio Bassolino che prepara la sua corsa solitaria con una lista civica). Senza però riuscirci.

 

Elezioni Napoli 2016: quando e come si vota per il sindaco alle Comunali

 

ELEZIONI NAPOLI 2016, DE MAGISTRIS TENTA I GRILLINI

De Magistris ripete di «aver applicato concretamente diversi contenuti delle loro battaglie, tanto da essere più 5 Stelle di molti appartenenti al Movimento». Ma i grillini, in queste ore impegnati con le votazioni Comunarie per la scelta del loro candidato sindaco, ribadiscono l’intenzione di andare avanti avanti da soli. Ne parla Valerio Esca sul Mattino di Napoli:

Nonostante il Movimento 5 Stelle abbia dato il via alle «comunarie», il sindaco di Napoli Luigi de Magistris non rinuncia a cercare con i grillini un punto di incontro. «Su tante cose – ha sottolineato ieri il primo cittadino – penso di aver applicato concretamente diversi contenuti delle loro battaglie, tanto da essere più 5 Stelle di molti appartenenti al Movimento» ha aggiunto ironicamente. In fondo che de Magistris guardi con interesse all’elettorato 5 Stelle non è certo una novità. In diverse occasioni ha lanciato l’esca verso i pentastellati cerando un dialogo programmatico, più che un’alleanza vera e propria. L’ex pm sa bene che i 5 Stelle sono allergici alle coalizioni, ma anche che una cosa sono i big del Movimento, un’altra sono i simpatizzanti. Per questo de Magistris ha ribadito ancora una volta: «Se andiamo a vedere le amministrazioni a guida 5 Stelle non è stata fatta l’acqua pubblica, a Parma c’è ancora l’inceneritore e l’amministrazione di Quarto è stata travolta dallo scandalo dei rapporti tra politica e camorra. Io continuo a ritenere che molte delle loro battaglie sono state le nostre lotte, che in parte abbiamo già realizzato. Continuerò – ha rimarcato il primo cittadino – a cercare un punto di incontro, ma se scelgono di trovare un proprio candidato è un fatto legittimo e andremo con lealtà a confrontarci».

(Foto di copertina: ANSA / CIRO FUSCO)