Omicidio Ancona
|

Donna uccisa ad Ancona. Ancora due fidanzatini killer

DONNA UCCISA AD ANCONA –

Otto colpi, tutti da una calibro 9. Così è cominciata la tragedia che ha visto la morte di Roberta Pierini e reso in fin di vita, in lotta con la morte, Fabio Giacconi, ec ufficiale dell’areonautica. Chi sono? Una coppia dell’Ancona bene, con una figlia 16enne, viso dolce, avvennente, sorriso apparentemente innocente.

Eppure da lei sarebbe partito, come un tempo accadde a Novi Ligure con Erika, un piano terribile, il più atroce: uccidere i genitori, rei solo di osteggiare la relazione con l’appena maggiorenne Antonio Tagliata. E sarebbe stato lui a scaricare gli otto colpi (e infatti già ieri era stato fermato, per omicidio e tentato omicidio) per poi scappare in scooter da Via Crivelli, dove è avvenuta la tragedia, insieme alla figlia delle vittime. Sarebbero stati trovati, poi, i due fidanzatini killer (o presunti tali), in stato confusionale, ore dopo, alla stazione di Falconara Marittima.

E se l’incubo degli adolescenti maledetti torna, tutto però è ancora avvolto nel mistero. I motivi che hanno scatenato il raptus omicida, che potrebbero ricondursi all’ostilità dei genitori di lei per la relazione della figlia, e il modo in cui Tagliata sarebbe entrato in possesso dell’arma, non registrata e con matricola abrasa. E ritrovata in un cassonetto sullla linea di fuga.

E che ruolo ha avuto la 16enne, fermata oggi nelle prime ore del mattino, per concorso in omicidio? Secondo le indiscrezioni lui avrebbe già confessato, raccontando di un chiarimento a quattro e di una richiesta di andare a vivere insieme rigettata con forza e che avrebbe scatenato la violenza della giovane coppia, mentre lei di fronte agli inquirenti sarebbe stata “glaciale”, senza alcun pentimento.

Roberta Pierini è stata trovata vicina al terrazzo, freddata da un colpo alla testa, il marito Fabio, poco lontano, con diverse ferite al torace e anch’egli al capo. Un agguato di una crudeltà efferatissima. E inspiegabile.

(Photocredit:  ANSA/ CRISTIAN BALLARINI)