Flavio Briatore
|

Flavio Briatore sarà il prossimo presidente della Sampdoria?

Flavio Briatore potrebbe diventare il nuovo Presidente della Sampdoria. Tutto dipenderà dalla cessione della società a Gabriele Volpi da parte di Massimo Ferrero. Il patron della Pro-Recco, 72 anni e un impero in Africa da due miliardi di dollari l’anno avrebbe offerto 15 milioni di euro per la società blucerchiata più la possibilità di coprire eventuali debiti. E se Ferrero dovesse dire si, allora Flavio Briatore diventerebbe numero uno.

Flavio Briatore
ANSA – EPA/SEBASTIEN NOGIER

FLAVIO BRIATORE NUOVO NUMERO 1 DELLA SAMPDORIA?

La Repubblica Genova riporta la notizia dell’offerta da parte di Volpi con Massimo Ferrero che avrebbe invece richiesto 30 milioni di euro a titolo di buonuscita per aver migliorato il prestigio del marchio e il parco giocatori. Il problema per il “viperetta” è rappresentato dallo stato non floridissimo delle sue aziende, dal recente sequestro della sua casa ai Parioli e dall’attesa per la decisione relativa alla richiesta di patteggiamento di un anno e 10 mesi per il crac Livingston prevista per il prossimo 4 febbraio, con Ferrero accusato di aver distratto fondi per 9,5 milioni di euro.

 

LEGGI ANCHE: Controreplica de L’Espresso a Briatore: «Non ha ancora chiarito, si compra la verità»

FLAVIO BRIATORE VALUTA LA SAMP 15 MILIONI DI EURO

Secondo quanto riportato dal Fatto Quotidiano Flavio Briatore e Antonio Romei, avvocato braccio destro di Massimo Ferrero, si stanno parlando da mesi. L’ex numero 1 di Renault Formula 1 ha dato una valutazione del club di 15 milioni di euro a seguito della due diligence. Ora la palla passa a Massimo Ferrero che, nonostante non sia formalmente proprietario della Sampdoria, intestata alla figlia Vanessa, cercherà di guadagnare il più possibile dalla situazione salutando il calcio italiano guadagnandoci. In caso di acquisizione Gabriele Volpi, già proprietario dello Spezia e del Rijeka in Croazia, non assumerebbe la presidenza che verrebbe affidata proprio a Flavio Briatore.

(Photocredit copertina Ansa © Hoch Zwei/ZUMAPRESS.com)